Tag: fiori

Risotto fiori di zucchine e stracciatella

Risotto fiori di zucchine e stracciatella

Fino all’età di quattro anni, mio figlio Michele mangiava il riso senza alcun problema, anzi devo dire che spesso lo chiedeva, soprattutto il riso giallo o il riso rosso. Poi dopo il primo anno di asilo (allora si chiamava ancora così, ora si dice scuola dell’infanzia) basta, non ne ha più voluto sapere.
Non ho mai capito l’improvviso cambio di gusti. Ho anche pensato che forse ne mangiava troppo alla mensa. Comunque, visto che domenica scorsa a pranzo lui non c’era, ho preparato questo gustoso risotto con fiori di zucchine e stracciatella.

Ingredienti

280 g di riso 
700 g di brodo vegetale caldo
8 zucchinette comprensive di fiori
1/2 bicchiere di vino bianco
1/2 scalogno tritato
3 cucchiai di formaggio grattugiato
2 cucchiai circa di stracciatella
prezzemolo tritato fresco
3 cucchiai di olio d’oliva
1 noce di burro




Ingredienti


Staccare dalle zucchine il
fiore, lavarle e tagliarle a rondelle eliminando le estremità (per il risotto non ho utilizzato tutte le zucchine ma solo la metà).
Togliere dai fiori la parte interna di scarto e tenerli da parte.
In una pentola preparare il brodo, anche di dado, quando è caldo unire le rondelle di zucchine.
In una casseruola a bordi alti versare l’olio, appena sarà caldo aggiungere lo scalogno e lasciarlo rosolare leggermente.
Unire il riso tostare, sfumare con il vino bianco e una volta completamente evaporato aggiungere le rondelle di zucchine.
A questo punto iniziare a versare un mestolo alla volta il brodo e cuocere mescolando ti tanto in tanto e aggiungendo brodo in modo da tenerlo umido ma non troppo liquido.
A circa 3-4 minuti dalla fine cottura unire i fiori a pezzi e portare a fine cottura.
A fine cottura mantecare con il burro e il formaggio grattugiato, mescolare, spegnere la fiamma e lasciare riposare il riso 2-3 minuti.
Cospargere con il prezzemolo tritato, mescolare, impiattare e servire con un cucchiaino di stracciatella a persona.

Primavera: i fiori nel piatto. Un tripudio di odori e colori

Primavera: i fiori nel piatto. Un tripudio di odori e colori

I primi fiori sbocciano sui prati e sui rami ed è magia. La primavera esplode e incanta E allora: perché non metterla nel piatto?

L’equinozio di primavera, ovvero l’evento astronomico che segna l’inizio della primavera, quest’anno non sarà il 21 marzo bensì il 20. E per la precisione alle ore 22:58. Ma non sarà l’unico evento eccezionale della notte a cavallo fra il 20 e il 21: alle 2:43 il cielo sarà illuminato dalla Superluna di Primavera. Il nostro satellite si troverà molto vicino alla Terra e, là dove la notte e il cielo sereno lo permetteranno, lo spettacolo della grande Luna sarà un evento da non perdere.

Ma tornado con i piedi ben saldi a terra e annusando l’aria, si capisce che qualcosa a livello meteo è cambiato. Il tepore, il sole che tarda a tramontare, i primi alberi in fiore e il profumo che ci delizia il respiro sono tutti segni inequivocabili che la primavera è fra noi e la natura è di nuovo pronta a esplodere in tutto il suo fragoroso silenzio fatto di mille odori e colori.

E sono proprio i colori a portare nel piatto la stagione più bella, grazie ai fiori eduli, utilizzati sia come decoro sia per regalare piacevoli note aromatiche alle ricette.

Petali brinati.
Petali brinati.

Esistono più di 40 tipologie di fiori commestibili e i più semplici da reperire sono proprio quelli che nascono da odori, verdure e piante aromatiche. Via libera dunque a fiori di zucca, zucchina, basilico, rosmarino, aglio, aneto, borragine, finocchio, girasole, menta, ravanello, salvia e lavanda. Anche rose, garofani, fiori di camomilla, margherite, viole, lilla e gelsomino si possono mangiare, ma è bene utilizzarli nei piatti solo se li abbiamo coltivati noi senza aggiungere agenti chimici o acquistati in mercati e supermercati che ne specifichino la funzione.

E ora ecco una selezione di ricette con i fiori: insalate, uova, fiori di zucca farciti, carpacci…

Fiori di lattuga al forno.

Fiori di lattuga al forno.

C’è un aspetto del fare la spesa che mi diverte molto, la ricerca delle offerte. Non sono ai livelli di chi insegue i volantini o i coupon, ma non escludo di arrivarci prima o poi.
Di solito parto con una lista della spesa e poi lascio un margine per le offerte dell’ultimo minuto, come quelle dei prodotti che subiscono un ribasso di prezzo per vari motivi.
Nel supermercato dove mi servo per frutta e verdura, ogni giorno ci sono offerte interessanti, come questi cespi di lattuga, ancora perfettamente freschi, che sono costati solo 60 centesimi.
Una idea che mi è venuta nel vederli è stata quella di farcirli e passarli al forno…ottima idea direi…
Anche voi approfittate delle offerte?

Ingredienti

3 cespi di lattuga
1/3 di dose di Besciamella con latte di riso
 oppure se non avete intolleranze 1/4 di dose di Besciamella
70 g di fontina
3 cucchiai di formaggio grattugiato
sale e pepe
olio d’oliva

Preparazione

Scaldare il forno a 180°C.
Preparare la besciamella e una volta pronta sciogliere all’interno la fontina.
Aggiustare di sale e insaporire con il pepe.
Delicatamente lavare i cespi di lattuga, anche tra le foglie interne e tamponare con carta casa per togliere l’eccesso di acqua.
Con i fogli di alluminio, formare un contenitore per ogni cespo di insalata, in modo da evitare che in cottura gli stessi si aprano.
Al centro di ogni fiore di lattuga mettere 1/3 di besciamella, cospargere con il formaggio grattugiato.
Condire con un filo di olio d’oliva e infornare per 10-15 minuti, a seconda di come vi piace la verdura, se più croccantina o tenera.

Proudly powered by WordPress