Tag: torte salate facili

Ricetta Cappellacci di zucca – La Cucina Italiana

Ricetta Cappellacci di zucca - La Cucina Italiana
  • 1 Kg zucca pulita, con la buccia
  • 350 g farina
  • 150 g Parmigiano Reggiano Dop
  • 4 uova
  • noce moscata
  • burro
  • salvia
  • sale
  • olio extravergine di oliva

Per la ricetta dei cappellacci di zucca, impastate la farina con 3 uova, un pizzico di sale e lavorate il panetto finché non sarà ben omogeneo. Copritelo e lasciatelo riposare per 30 minuti.
Per il ripieno: tagliate a pezzi la zucca senza sbucciarla; mettetela su una placca foderata di carta da forno, conditela con un filo di olio e sale e infornatela a 180°C per 30 minuti circa. Eliminate la buccia. Schiacciate la polpa e mescolatela con il parmigiano grattugiato, un uovo e un pizzico di noce moscata.
Per i ravioli: tirate la pasta in sfoglie non troppo sottili e tagliatele a quadretti di 6 cm di lato. Disponete il ripieno sui quadretti di pasta e chiudeteli come i tortellini. Cuoceteli in acqua bollente salata per 2 minuti e conditeli con burro fuso (ma non abbrustolito), salvia e parmigiano grattugiato.

Vieni da me per un canapè?

Vieni da me per un canapè?
Canapè estivo
Canapè estivo
Canapè estivo
Canapè estivo
Canapè estivo
Canapè estivo

Servire un vassoio di canapè è sempre un modo elegante per dare il via ad una cena o un aperitivo con gli amici.
Per canapè intendiamo tartine, crostini e tutti quei piccoli antipasti che possono essere serviti in un vassoio da portata, da consumare con le mani o con piccole forchettine e stuzzicadenti.
L’estate è la stagione perfetta per gli aperitivi all’aperto, quindi ecco le nostre proposte per preparare canapè estivi strepitosi.

Vassoi importanti

Per prima cosa procuratevi dei vassoi molto grandi perché è bello riempirli di tartine crostini di ogni genere.
Più colori e varietà ci sono, meglio è!
Magari scegliete piatti da portata con un fondo bianco per mettere in risalto tutti gli ingredienti, oppure una base legno chiaro.
Potete anche decorare i vassoi con delle foglie di fico o dei fiori per renderli ancora più belli e ricchi.
Servite il canapè in piedi proponendolo ai vostri ospiti mentre degustano un bicchiere di prosecco o un cocktail, oppure sistematelo nella tavola del buffet.

Pancarrè, pane o…

Ecco tutte le opzioni che avete a disposizione per preparare dei bocconcini da canapè.
Per preparare le classiche tartine farcite con creme spalmabili utilizzate come supporto il pancarrè.
Per i crostini croccanti optate per delle fette di baguette tostate o per dei cracker.
Se volete mettere la mani in pasta realizzate delle barchette di pasta brisée o frolla salata da farcire con quello che volete.
Se volete una base un po’ speciale realizzate dei mini pancakes.
Per un antipasto light scegliete pane integrale o di segale da abbinare con formaggi magri e verdure.
Per una base golosa scegliete la focaccia bianca, soprattutto se ci sono bambini.
Infine, giocate anche con le verdure. Perché non servire delle fette di cetriolo come fossero dei crostino da farcire e dei pomodorini tagliati a metà riempirti di mousse come delle barchette?
E come non utilizzare l’anguria e il melone? Andate avanti e scoprirete come.

Praticità prima di tutto

Fate in modo che tutti questi piccoli antipasti siano facili da consumare anche con le mani.
Pensate a fettine di pane o cracker da mangiare praticamente in un boccone oppure fate in modo che piattini, tovaglioli e forchette siano a portata di mano.
Il canapè in genere si prepara con piccole tartine o bruschette, magari con vari tipi di pane, ma potete arricchirlo anche con delle mini porzioni di polenta, dei bignè, delle roselline di affettati, olive, fritti e frittatine.
Tutto deve essere pratico da servire, maneggiare e consumare.

Tartine burro e alici

Se non avete mai provato l’abbinamento burro e alici davvero non sapete cosa vi state perdendo.
È una delle cose più buone al mondo e piace sempre a tutti.
Basta frullare delle alici sott’olio con il burro e poi spalmare la crema sul pane tostato.
Per rendere le tartine più belle utilizzate un sac à poche per creare dei ciuffetti di crema e decorate con dei fiori di cappero.

Tartine con pesto di fichi

Esatto, pesto di fichi!
Si prepara semplicemente aggiungendo uno o due fichi alla ricetta classica del pesto di basilico e sta molto bene in abbinamento con la ricotta salata.
Potete utilizzare pancarrè, crostini di pane di segale oppure una focaccia calda.

Crostini con gorgonzola e fichi

Un abbinamento straordinario? Gorgonzola e fichi.
Se non amate il gusto intenso del gorgonzola sostituitelo con la crescenza che è un po’ più delicata, ma ugualmente cremosa.
Potete aggiungere un tocco di dolcezza in più caramellando i fichi in padella.
Completate i crostini con della crema di aceto balsamico.

Canapè di cetrioli e salmone

Un antipasto super light perché preparato solo con cetrioli e salmone affumicato.
 Non c’è pane!
Tagliate il cetriolo a rondelle abbastanza spesse mantenendo la buccia e poi decorate ogni fattina con una rosellina di salmone. Potete arricchire tutto con una mousse semplice di avocado preparata frullando la polpa con lime, olio e sale.

Tartine di prosciutto e melone

Le chiameremo tartine anche se il pane non c’è, come in quelle di cetriolo, ma al suo posto utilizziamo delle fette di melone ritagliate a cubotti.
 Sopra ogni fetta disponete del prosciutto crudo e magari una piccola mozzarellina o dei fiocchi di formaggio e servite come finger food.
Si può fare anche con l’anguria e il melone d’inverno.

Tartine integrali all’anguria

A proposito di anguria, ecco un’idea insolita, ma deliziosa.
Utilizzate come base del pane di segale scuro e ritagliatelo in triangolini.
Spalmantelo con del formaggio fresco e poi adagiate su ogni fetta un’ostia di anguria, cioè una fetta sottilissima, quasi trasparente. Completate con delle foglioline di menta e gustate.

In gallery trovate tante altre idee per i vostri canapè estivi

» Involtini di melanzane al salmone

Misya.info

innanzitutto lavate e mondate le melanzane e tagliatele a fette per il lungo, quindi disponetele sulla teglia del forno rivestita di carta forno, conditele con sale e olio e cuocete per circa 15 minuti a 180°C, in forno ventilato già caldo, quindi lasciatele raffreddare.

Una volta fredde le melanzane, conditele con Philadelphia e pesto, quindi aggiungete anche il salmone e arrotolatele a formare degli involtini.

Gli involtini di melanzane al salmone sono pronti: lasciateli riposare per almeno 30 minuti in frigo e servite.

Proudly powered by WordPress