Tag: Secondi Piatti

Come fare la torta di biscotti: ingredienti e procedimento

Come fare la torta di biscotti: ingredienti e procedimento

Il dolce facilissimo, con pochi ingredienti e senza cottura, che vi farà fare un figurone

Quella che vi proponiamo non è una torta fatta ANCHE con i biscotti, ma è un dolce divertente e originale perchè fatto praticamente SOLO di biscotti e pochi altri ingredienti. Non esiste una torta più facile di questa, buona, bella da portare a tavola e perfetta anche per un compleanno se non volete impazzire con basi di pan di Spagna o pasta sfoglia.
I bambini impazziamo di gioia e il successo è garantito!

Fette “a righe”

La particolarità di questa torta è nel taglio.
I biscotti infatti vengono disposti in verticale all’interno della tortiera, a coppie di due e farciti nel mezzo.
Una volta pronta, la torta viene lasciata raffreddare in frigorifero perché tutti gli ingredienti possano miscelarsi e i biscotti si ammorbidiscano per essere tagliati perfettamente.
Potete anche più semplicemente disporre i biscotti a strati orizzontali come si fa per un classico tiramisù, ma vi consigliamo di provare questa versione perché le fette tagliate sono più belle da servire e risulterano a righe.

torta-di-biscotti

Come fare la torta di biscotti con crema mascarpone-panna-cioccolato

Questa torta si prepara con i biscotti secchi tipo Oro Saiwa che accoppiati due a due e farciti con una crema a piacere formano insieme una vera e propria torta.
Ora vi spieghiamo come.
Per prima cosa decidete che gusto dare a questo dolce e quindi che crema aggiungere all’interno.
Noi vi consigliamo quella classica e senza cottura a base di mascarpone e panna montata.
Per prepararla dovete semplicemente mescolare 200 g di mascarpone con 100 ml di panna zuccherata ben montata.
Aggiungete un cucchiaio di cacao e, se volete, anche poco miele.
Spalmate un biscotto con della crema di nocciole e un altro con panna e mascarpone e poi accoppiateli (circa 18 biscotti per 9 coppie) come fossero dei panini.
Bagnateli velocemente con del caffè e latte e poi disponeteli in verticale all’interno di uno stampo a cerniera rettangolare o rotondo. L’importante è non lasciare spazi vuoti.
Partite dall’esterno e pian piano andate verso il centro.
Una volta completata la base, decorate con la crema avanzata oppure con la panna.

Con la crema

Potete utilizzare anche della semplice crema pasticcera per farcire i biscotti e poi decorate con la panna montata.
L’importante è che sia ben fredda e abbastanza compatta.
Potete mescolarla, se preferite, con della panna montata o con la ricotta e profumarla con la cannela.

Con la marmellata

Ai bambini piace anche la versione con il ripieno di confettura e copertura di crema al burro preparata con formaggio spalmabile, zucchero a velo e burro.
E sempre per i bambini vi suggeriamo di bagnare i biscotti o con l’orzo, se utilizzate crema, panna o cioccolato, oppure con del succo di frutta se utilizzate delle confetture.
Se volete servire questo dolce per un dopo cena di soli adulti, invece, aggiungete un po’ di rum o del brandy sia nella bagna dei biscotti sia nella crema. Per trasformare questa torta da dolce per bambini a dessert al cucchiaio gourmet, utilizzate della marmellata di arance amare, scaglie di cioccolato fondente, Grand Marnier per la bagna e gherigli di noci e fettine di arancia caramellata come decorazione.

Tiramisù

Chi sa dire di no ad un buon tiramisù?
Provatelo nella versione con i biscotti, utilizzando la crema di uova e mascarpone come farcitura.
Bagnate con il caffè ristretto e spolverizzate con il cacao amaro.

Sfogliate ora la gallery con i nostri consigli per preparare una torta di biscotti davvero speciale!

La Cucina Italiana diventa… una collana di libri

Sono già disponibili i primi due manuali monografici firmati da La Cucina Italiana e pubblicati da Vallardi: “Le basi della cucina” e “Le basi della pasticceria”. In libreria!

Dalla collaborazione fra Antonio Vallardi Editore e “La Cucina Italiana” arrivano in libreria una serie di manuali monografici che riprendono lo stile e la formula del mensile che da 90 anni crea, accompagna e ispira il convivio.

I primi due volumi della collana sono Le basi della cucina e Le basi della pasticceria. All’interno, foto splendide e fortemente descrittive, provenienti dall’archivio di “La Cucina Italiana”, facilitano il lettore nella comprensione di tecniche, trucchi e accorgimenti per realizzare piatti di intenso impatto visivo e deliziosi al palato, da scegliere nella sezione Ricette wow! 

Manuale CUCINA

Le basi della cucina

Quante domande ci assillano quando siamo sui fornelli! Soffriggere con i tagli di verdura giusti, azzeccare il punto di rosa del roast-beef, rendere soffice una vellutata… e mille e mille altri dubbi che le 240 pagine di Le basi della cucina risolvono fornendoci soluzioni e spiegazioni che ci guideranno passo dopo passo.

La pasta secca e i suoi sughi – Abbinamenti, cotture, condimenti
Paste fresche e ripiene casalinghe – In infinite forme e combinazioni
Il riso – Tutte le varietà e le tecniche di preparazione
Verdure e aromi – Acquisto, conservazione e utilizzo
La carne – Scelta dei tagli e cotture
Pesci, crostacei e molluschi – Riconoscimento della freschezza, pulizia, preparazioni
Le uova – Versatilissima risorsa
Torte salate – Impasti e ripieni
I fritti – Ghiotti, digeribili, perfino leggeri
Le basi di cucina – Brodi, salse e marinate

Manuale Paricceria

Le basi della pasticceria

Stesso numero di pagine per il volume dedicato alla pasticceria. Anche qui foto e spiegazioni che vanno a risolvere quesiti di “base”, quei dubbi che ci sorgono magari anche all’ultimo momento, quando abbiamo già le mani in pasta. E allora ecco che vien detto come fare la frolla perfetta, il pan di Spagna, i bignè…

La pasta frolla – Parola d’ordine: friabilità
La pasta sfoglia – Aerea e fragrante
Il pan di Spagna e altri impasti – Alti e morbidi, jolly in cucina
Gli impasti non lievitati – Ricette e sapori antichi
Le meringhe e i bignè – Magie in cucina
Creme, glasse e caramelli – Morbido vs croccante
Bavaresi, mousse e semifreddi – Delizie al cucchiaio
Il cioccolato – Tutti i segreti
Dolci alla frutta fresca – Golosa leggerezza
I dolci fritti – Prelibatezze irresistibili

Antonio Vallardi Editore: un po’ di storia

La casa editrice Vallardi è stata fondata nel 1750 Francesco Cesare Vallardi. Oggi appartiene al gruppo GeMS ed è leader nel settore dei dizionari e dei manuali di linguistica, disponibili anche in digitale. Sul fronte dello studio, Vallardi presenta anche titoli che spaziano dalla matematica alla filosofia, dalla storia alla fisica… e la cucina!

La Cucina Italiana: la sua storia

Novant’anni di storia, quella di “La Cucina Italiana”, fondata nel 1929 da Umberto Notari e Delia Pavoni con il sostegno del futurista Filippo Tommaso Marinetti.
Nell’aprile del 2014 debutta il primo numero firmato dalle Edizioni Condé Nast. Oggi alla guida del mensile c’è il Maddalena Fossati Dondero, per un mensile che vanta 600mila lettori. Accanto all’edizione cartacea c’è poi lacucinaitalina.it, la proposta editoriale Web che oggi raggiunge 4 milioni di utenti.
Da sempre la testata si contraddistingue perché è l’unica a preparare e provare le ricette in redazione, che poi propone con un linguaggio visivo efficace grazie a grandi autori della fotografia; ma si contraddistingue anche per le sue storie di cibo e territorio, per i racconti di grandi famiglie e protagonisti del convivio. Come sempre, il tutto viene descritto con un linguaggio accessibile a un pubblico vasto, ma selettivo.
Le parole sono importanti, certo, ma anche il “fare”. Per questo esiste anche La Scuola de La Cucina Italiana, che accoglie oltre 7mila studenti ogni anno, con corsi su misura per cuochi esperti e altri per chi vuole divertirsi sui fornelli e stupire amici e parenti.

Insomma, la quasi centenaria esperienza di “La Cucina Italiana” sarà ora a portata di mano, sempre disponibile e consultabile in casa vostra grazie ai manuali nati dalla collaborazione con Vallardi.

La ricetta di copertina da provare subito

Dalle parole ai fatti, avevamo detto e, passateci il gioco di parole, noi siamo di parola, perciò… detto fatto!

Piano di cottura a induzione o cappa aspirante?

Nikola Tesla Switch: il nuovo piano aspirante ad induzione di Elica
Nikola Tesla Switch: il nuovo piano aspirante ad induzione di Elica
Nikola Tesla Switch: il nuovo piano aspirante ad induzione di Elica
Nikola Tesla Switch: il nuovo piano aspirante ad induzione di Elica
Nikola Tesla Switch: il nuovo piano aspirante ad induzione di Elica

A volte basta guardare le cose da un’altra prospettiva per vederle in modo differente. Ed è da questo approccio che, spesso, nascono le grandi innovazioni. Ne è una dimostrazione NikolaTesla Switch, l’ultimo piano aspirante ad induzione di Elica, leader globale nella produzione di cappe con 50 anni di esperienza nel trattamento dell’aria, che capovolge letteralmente il punto di vista della cucina. E rivoluziona la cooking experience quotidiana.

Induzione e aspirazione in un unico piano

In un unico prodotto, disegnato da Fabrizio Crisà, sono riuniti cottura a induzione e aspirazione, tecnologia e design, prestazioni efficienti e cura dei dettagli. Il piano a induzione di ultima generazione si presenta come un’ampia superficie di vetro ceramico con quattro zone di cottura e una doppia funzione bridge che consente a due zone adiacenti di lavorare in maniera combinata per non rinunciare all’uniformità di cottura del cibo anche in caso di utilizzo di pentole di grandi dimensioni.

Capovolgimenti rivoluzionari

Al centro del piano, un anello con effetto ghisa ed un cerchio in vetro, completamente a filo, nascondono il sistema aspirante. Ruotando questo elemento circolare si attiva l’aspirazione di NikolaTesla Switch che, attraverso questo innovativo flap, esercita un controllo totale dell’aria. Il sistema cattura fumi e odori con performance cinque volte superiori a una captazione di salita, è silenzioso ed è dotato di efficienza energetica di classe A+. Grazie all’utilizzo di sensori che riconoscono la qualità dell’aria, NikolaTesla Switch è in grado, infatti, di regolare automaticamente la velocità di aspirazione ottimizzando i consumi.

Pulizia totale in nero o bianco

Pulito in termini di estetica grazie a un’interfaccia user-friendly invisibile in modalità stand by, il piano rende facile anche la pulizia dopo l’utilizzo perché tutti gli elementi sono stati pensati infatti a filo top. Potete scegliere tra due versioni: vetro ceramico nero abbinato a dettagli in ghisa oppure vetro ceramico bianco abbinato all’acciaio lucido. Il flap centrale consente la rotazione a 360gradi con doppia finitura estetica, da un lato vetro e dall’altro ghisa o acciaio a seconda della versione scelta. Infine, il prodotto è previsto sia in versione filtrante che aspirante.

Proudly powered by WordPress