Tag: ricette x torte

» Fettuccine Alfredo con pollo

Misya.info

Le fettuccine Alfredo con pollo sono una ricetta che in America viene strettamente collegata alla cucina italiana. Negli Stati Uniti, infatti, non c’è ristorante italiano che non serva le famosissime fettuccine Alfredo! Ma il bello è che questo piatto, qui in Italia, non lo conosce praticamente nessuno! In realtà pare che la ricetta originale, con un condimento semplicissimo a base di burro e formaggio, sia davvero italiana, risalente niente di meno che al XV secolo, di origini romane (il nome originario era infatti maccaroni romaneschi).
La ricetta venne poi riportata in auge a inizio ‘900 da un ristoratore, sempre romano, Alfredo Di Lello, da cui il nome. Tra gli anni ’20 e ’30 del ‘900, le fettuccine Alfredo si sono poi diffuse tantissimo nei ristoranti italoamericani, mentre qui da noi sono state dimenticate. La versione che si è diffusa, però, prevedeva l’utilizzo della panna al posto del burro: non solo, ma molti ristoranti la propongono appunto con ‘aggiunta di pollo al condimento base. Eccomi qui, dunque, dopo questo lungo preambolo, a proporvi la mia ricetta delle fettuccine Alfredo con pollo 😉

  • Tempo di preparazione preparazione: 5 min
  • Tempo di cottura cottura: 15 min
  • Tempo totale totale: 20 min
Fettuccine Alfredo con pollo
Fettuccine Alfredo con pollo

Procedimento

Come fare le fettuccine Alfredo con pollo

 

Innanzitutto tagliate il pollo a straccetti e cuocetelo con sale, pepe e metà del burro in una padella antiaderente, facendolo rosolare per bene.

Mettete il pollo da parte e, nella stessa padella, fate insaporire la panna con sale, pepe, noce moscata e il restante burro, quindi aggiungete nuovamente anche il pollo.
Nel frattempo cuocete la pasta, scolatela al dente e fatela saltare poi in padella con il condimento, mantecando con il aprmigiano.

Le fettuccine Alfredo con pollo sono pronte, non vi resta che gustarvele.

Ricette correlate

Ricette simili a Fettuccine Alfredo con pollo

I vostri commenti

Lascia il tuo commento su Fettuccine Alfredo con pollo

Torta di rose con zucca, noci e uvetta

Torta di rose con zucca, noci e uvetta

                                      

Avrei voluto iniziare chiedendo quale fosse il colore più bello dell’autunno (per me l’arancione della zucca) ma data la situazione di divisione a zone colori della nostra bellissima Italia, che ne dite se tralascio e passo subito alla descrizione della torta? 

Non è la solita torta di rose, questa ha un colore intenso, è sofficissima, ha un sapore goloso ed è ricca di croccante frutta secca. Provare per credere.

Ingredienti

per l’impasto

500 g di farina Manitoba

150 ml di latte a temperatura ambiente

80 g di burro a temperatura ambiente

80 g di zucchero

1 uovo

10 g di lievito di birra fresco

un cucchiaino di miele

per il ripieno

2 cucchiai colmi di uvetta 

q.b. di Marsala (o acqua) per ammollare l’uvetta

100 g circa di gherigli di noci

50 g di burro fuso

2 cucchiai colmi di zucchero

q.b. di cannella

per rifinire

1 tuorlo

1 cucchiaio di latte

Procedimento

Unire in una tazza metà del latte previsto in ricetta con il lievito e il miele

In una ciotola capiente o nella ciotola della planetaria, versare la farina e la polpa di zucca.

Iniziare ad impastare, aggiungere il latte con il lievito, lo zucchero, e l’uovo. 

Unire il burro e lasciarlo assorbire completamente.

Infine aggiungere il sale e poco a poco il resto del latte controllando che l’impasto non risulti troppo appiccicoso, nel caso così fosse, non aggiungerlo tutto. 

Trasferire l’impasto sulla spianatoia infarinata, lavorarlo leggermente con le mani, formare un panetto, fare un taglio leggero a croce sulla superficie e porlo a lievitare coperto in una ciotola capiente fino al raddoppio del volume.

Nel frattempo ammollare l’uvetta nel Marsala o nell’acqua se preferite.

A lievitazione avvenuta rovesciare l’impasto sulla spianatoia e con le mani tirare il lembi fino ad ottenere un rettangolo spesso circa 1 cm.

 

Spennellare tutta la superficie della pasta lievitata con il burro fuso; cospargere con l’uvetta precedentemente strizzata e tamponata con carta cucina, con le noci tritate grossolanamente, con lo zucchero e con la cannella a piacere.

Richiedere a rotolo l’impasto e tagliare a girelle spesse 4-5 cm.

Porre le girelle in una tortiera apribile da 24 cm di diametro, foderata con carta forno.

Rimettere a lievitare sempre coperta per una trentina di minuti.

Scaldare il forno a 180°.

In una coppetta sbattere leggermente il tuorlo d’uovo con il latte e spennellare la superficie della torta.

Infornare e cuocere per 40-50 minuti, controllando che non si dori troppo la superficie, in caso coprire con un foglio di alluminio.

Una volta cotta, togliere la torta di rose dal forno e metterla a raffreddare su una gratella.

Servire cosparsa di zucchero a velo.

» Crêpes alle mele – Ricetta Crêpes alle mele di Misya

Misya.info

Innanzitutto preparate l’impasto per le crêpes: sbattete il latte con la farina e a parte sbattete anche le uova, quindi unite le uova al latte e fate riposare in frigo per almeno 30 minuti.

Nel frattempo, preparate il ripieno: se non ce l’avete a disposizione, preparate la crema pasticcera e lasciatela intiepidire un po’.
Mondate le mele e tagliatele a dadini.

Mettete le mele in una casseruola con burro, zucchero, uvetta, rum e cannella e fate cuocere per una decina di minuti, mescolando ogni tanto, quindi lasciate intiepidire anche queste.
In una terrina montare le uova.

Passati i 30 minuti, riprendete l’impasto e cuocete le crêpes, una per volta, versando 1 mestolo di pastella su una crepiera o una padella antiaderente a fondo piatto leggermente unta: inclinate e ruotate la padella, in modo da far distribuire l’impasto su tutta la superficie.
Una volta rassodata la superficie, girate delicatamente la crêpe con una spatola e cuocete anche il secondo lato: man mano che sono pronte, impilate le vostre crêpes su un piatto.

Farcite le crêpes con un po’ di mele e un po’ di crema pasticcera, quindi ripiegatele in 4.

Le crêpes alle mele sono pronte: decorate con qualche altro cubetto di mela e servite.

Proudly powered by WordPress