Tag: ricette torte rustiche

» Crostata pesche e amaretti

Misya.info

Innanzitutto preparate la pasta frolla: unite gli ingredienti (farina, uova fredde di frigo, burro a pezzetti, zucchero, bicarbonato e buccia di limone) in una ciotola e lavorate velocemente fino ad ottenere un panetto omogeneo: ricopritelo con pellicola trasparente e fatelo riposare in frigo per almeno 1 ora.

Nel frattempo, preparate la crema (qui trovate la ricetta) e lasciatela raffreddare completamente.

Quando crema e frolla saranno ben fredde, potrete iniziare ad assemblare la crostata: dividete la pasta frolla quasi a metà (lasciate una metà un po’ più grande e l’altra un po’ più piccola) e stendetele entrambe in sfoglie sottili.

Con la sfoglia più grande, rivestite fondo e pareti dello stampo (dopo averlo imburrato e infarinato).
Riempitelo con la crema, livellando bene la superficie, quindi aggiungete amaretti e pesche sciroppate (ben sgocciolate): all’interno dell’incavo di ogni fetta di pesca, disponete un amaretto.

Ricoprite con la seconda sfoglia, tagliate via l’eccesso e sigillate bene i bordi, quindi cuocete per circa 50 minuti a 180°C, in forno ventilato già caldo.

La crostata pesche e amaretti è pronta: fatela raffreddare completamente, quidni decorate con zucchero a velo e servite.

Mate: proprietà (e curiosità) della bevanda sudamericana

Mate: proprietà (e curiosità) della bevanda sudamericana

In Paesi come l’Argentina (ma anche in un borgo della Calabria), berlo è un vero e proprio rito conviviale. Ma questo infuso può essere d’aiuto a tutti nel combattere la stanchezza psico-fisica. Papa Francesco conferma

Mate: ne avete mai sentito parlare? Si tratta di un infuso caratteristico del Sud America dove sorseggiarlo durante gli incontri conviviali con amici e parenti è un vero e proprio rito, al pari del nostro caffè. Si ricava dall’erba mate (yerba mate), ovvero dalle foglie di un arbusto sempreverde – nome botanico Ilex paraguariensis – che cresce in Paesi come Argentina, Brasile, Paraguay e Uruguay. Le foglie, essiccate e spezzettate, si devono lasciare in infusione in acqua calda e poi filtrare. Il mate, conosciuto anche come tè paraguaiano o tè dei Gesuiti, ha diverse proprietà. Scopriamole.

Le proprietà dello yerba mate contro la stanchezza psicofisica

Le foglie di mate contengono naturalmente caffeina, dunque l’infuso viene usato come tonificante per combattere la fatica aumentando l’energia fisica e il vigore. La caffeina agisce insieme alla teobromina, sostanza stimolante del sistema nervoso centrale, presente anche nel cacao: la bevanda può essere quindi utile per migliorare l’attenzione e la memoria, ma anche per risollevare l’umore. Non mancano flavonoidi dalle proprietà antiossidanti, vitamina C e minerali come potassio, zinco, manganese, magnesio, calcio e ferro. L’infuso, con le sue proprietà, favorisce anche la diuresi, utile a combattere la ritenzione idrica e a depurare l’organismo; inoltre, aiuta a ridurre il senso di fame e stimola il metabolismo lento.

Yerba mate: che gusto ha (e altre curiosità)

Il gusto del mate è amarognolo e presenta un’astringenza conferita dai tannini presenti nelle foglie.

In Sud America il mate viene preparato in un caratteristico contenitore dalla forma bombata, che si chiama matero o porongo, e bevuto con la bombilla, una speciale cannuccia in metallo che filtra le foglie.

Papa Francesco, date le sue origini argentine, apprezza il mate: una volta, in un’intervista, ha rivelato che questa bevanda lo aiuta a trovare l’energia per affrontare i suoi tanti impegni.

A New York, nel quartiere di Brooklyn, ha aperto il primo “mate bar” del mondo. Si chiama Porteñas e l’hanno aperto tre donne argentine immigrate negli Stati Uniti che acquistano materia prima biologica da piccoli produttori argentini. Nel menu si trova il tradizionale infuso, ma anche mate latte, centrifughe e prodotti da forno realizzati con yerba mate. E non mancano poi piatti tipici sudamericani come le empanadas.

In Italia, c’è un paesino, Lungro, in provincia di Cosenza, dove bere mate è un rito proprio come in Sud America. Pare che la bevanda sia arrivata qui negli anni 50 con gli emigrati italiani di ritorno dall’Argentina e da allora è diventata una tradizione. Un’artista del paese, Anna Stratigò, ha aperto anche una sorta di Casa museo del mate.

Qual è la pizza ideale per il vostro segno zodiacale?

Qual è la pizza ideale per il vostro segno zodiacale?

Alta o bassa? Minimalista o iper farcita? L’astrologa svela quali sono le tipologie di pizza ideali dei 12 segni zodiacali in base alle loro caratteristiche “stellari”.

Possibile che gli astri influiscano sulle nostre scelte, anche in pizzeria? Abbiamo chiesto all’astrologa Ginny Chiara Viola di svelarci la pizza preferita da ciascuno dei 12 segni zodiacali – perché, diciamocelo pure, è difficilissimo resistere alla tentazione di una pizza gustosa e scegliere quella che veramente fa per noi! Del resto la pizza fa parte del nostro DNA, una ricetta orgogliosamente Made in Italy, esportata con risultati più o meno discutibili in ogni angolo del globo. E poi, la pizza è un piatto completo e saziante, da concedersi una tantum senza sensi di colpa. Addirittura c’è chi sostiene che mangiare pizza sia assolutamente compatibile con la strategia dimagrante, vedi il pizzaiolo napoletano con base a New York Pasquale Cozzolino, il quale ha dedicato al tema il libro The Pizza Diet (edito da Simon & Schuster). Quando ci troviamo davanti la lista delle pizze con tante bontà elencate, dalla semplice pizza Margherita alla Quattro Stagioni o Marinara, rischiamo di confonderci. E allora, lasciamoci guidare dall’oroscopo gastronomico: qual è la pizza ideale per il vostro segno zodiacale?

Ariete

Questo segno in perenne movimento, apprezza la pizza d’asporto e la ordina super farcita con cibi energetici e calorici, su tutti formaggi e salumi. La mangia direttamente dal cartone, facendo nel frattempo mille altre cose.

Toro

La pizza, il Toro, la gusta al ristorante, con tutta calma, scegliendo accostamenti ricercati e gourmet, meglio se firmati da qualche rinomato chef. Qualche esempio? Pizza con fiori di zucca e ricotta di bufala, sottile e croccante.

Gemelli

L’eterno Peter Pan dello zodiaco adora la pizza unta e bisunta, da condividere con un folto gruppo di amici. Amante della varietà, sceglie la Quattro Stagioni senza ripensamenti.

Cancro

Un segno tutto casa e tradizione: il Cancro sceglie la pizza artigianale preparata con grani antichi. Sempre e solo mozzarella e pomodoro: con i grandi classici non si sbaglia mai.

Leone 

Segno ossessionato dall’aspetto fisico, energico e instancabile, il Leone opta per la pizza proteica, sottile, croccante e condita con pomodorini e bresaola. Perfetta per un post allenamento.

Vergine

Un altro segno molto rigoroso, poco incline agli stravizi, spesso e volentieri a dieta stretta. I nati della Vergine scelgono una pizza integrale: sottile sottile, con al posto della mozzarella ricotta di capra.

Bilancia

L’eleganza prima di tutto per questo segno d’Aria, molto legato al senso di armonia e ordine. Anche la loro pizza è chic e mai eccessiva: pesto ligure, grana e rucola.

Scorpione

Un segno amante del concetto “more is more”, fortemente legato al senso del piacere e del godimento. Vince la pizza alta, con salsiccia e formaggi a profusione. Nessun senso di colpa, anzi.

Sagittario

Il segno dei viaggiatori va in cerca della pizza più esotica del menù. La sceglie molto speziata in stile messicano, ma osa anche la tanto discussa pizza all’hawaiana, con ananas.

Capricorno

Il tradizionalista dello zodiaco ordina solo pizza napoletana verace: con cornicione alto, mozzarella di bufala, passata di pomodoro e immancabili foglioline di basilico. Patriottica.

Acquario

L’Acquario detesta sentirsi appesantito e non è un gran mangione, anzi: spesso è così concentrato nei suoi pensieri, che si scorda dei pasti. Bene una pizza leggera e fresca: pomodoro, gamberetti e zucchine.

Pesci

Una pizza che conforti l’animo e che faccia tornare bambini: i nati di questo segno cercano il ricordo dell’infanzia anche nei loro piatti preferiti, come una semplice pizza al prosciutto cotto e mozzarella oppure dolce.

Creatività IG @piattistellari

Proudly powered by WordPress