Tag: Ricette Facili

A luglio riapre la nostra scuola di cucina

A luglio riapre la nostra scuola di cucina

A partire da luglio, riprendono in totale sicurezza i corsi di cucina nella nostra sede a Milano. In calendario i grandi classici e tante novità per l’estate.

Siamo contenti di annunciare la riapertura della nostra scuola di cucina a partire dal mese di luglio. Dopo attente valutazioni tecniche, volte ad assicurare al massimo la sicurezza degli utenti e dello staff, nelle prossime settimane si terranno i primi corsi nelle nostre aule a Milano.

Al fine di far rispettare le misure di sicurezza previste dalle autorità e garantire comunque la miglior esperienza di apprendimento possibile, abbiamo attrezzato le nostre spaziose aule per contenere un numero inferiore di partecipanti: ognuno avrà una singola postazione di lavoro, dotata di tutta l’attrezzatura necessaria.
Sono state, inoltre, apportate delle piccole modifiche ai piani didattici, così che lo svolgimento della lezione in postazione permetta comunque di apprendere le tecniche e testare in prima persona le singole ricette.

Potete scoprire i prossimi corsi disponibili cliccando direttamente qui. Oltre ai grandi classici, come Secondi piatti di pesce, Pasta fresca e Pizze, focacce e torte salate, potete trovare tante novità pensate per l’estate, quali Aperitivo con amici, Crostacei e Paella & Co. Non mancano le lezioni monotematiche di pasticceria: sono online le date del corso Torte da credenza e del nuovo Pasticceria mignon.

Abbiamo, inoltre, definito un nuovo calendario per i corsi iniziati e non ancora conclusi, che condivideremo con i partecipanti nei prossimi giorni, così da valutare la disponibilità e permettere la corretta conclusione dei percorsi.

La validità dei buoni regalo non ancora utilizzati verrà prolungata fino al 31/12/2020. Per estenderne la validità vi chiediamo di inviare un’email all’indirizzo della segreteria scuola@lacucinaitaliana.it. Vi assisteremo nell’operazione.

nasce la 4 Luppoli Lager con un luppolo italiano

nasce la 4 Luppoli Lager con un luppolo italiano

Di origine americana, ma coltivato interamente in Italia, il Cascade è stato inserito come luppolo dominante in questa birra per donarle sentori molto floreali

Si chiama Cascade, è americano, ma interamente coltivato in Italia. È il luppolo predominante presente nella 4 Luppoli Lager, la nuova birra nata in casa Poretti.
Si tratta di una vera e propria novità nel panorama birraio made in Italy, e vuole rappresentare la “rifioritura” italiana dopo l’esperienza della pandemia da Covid-19. Il birrificio della Valganna ha deciso infatti di ripartire con un prodotto ancora più nostrano per portare un messaggio di ottimismo e di fiducia. Il progetto nasce grazie alla collaborazione con una start up modenese, la Italian Hops Company, impegnata dal 2014 nella produzione e commercializzazione di luppolo. «L’abbiamo scelta perché è stata pioniera nel cambiamento che sta oggi avvenendo nel settore birrario italiano», dicono dal Birrificio Angelo Poretti, «creando un’industria del luppolo di qualità, sostenibile e trasparente, in cui i flussi informativi tra birrai e coltivatori sono prossimi e continui».

Il Cascade è nato in una zona vulcanica in America. Quello coltivato in Italia ha caratteristiche diverse da quelle agrumate e leggermente speziate che sono proprie del luppolo coltivato negli Usa. Come per i vini, anche per le birre vale il concetto di terroir: una varietà coltivata in Italia sviluppa un aroma differente rispetto alla stessa coltivata Oltreoceano.

Nel bicchiere la 4 Luppoli Lager esalta al massimo il bouquet fragrante ed equilibrato delle quattro varietà di luppolo con cui viene realizzata. La sua schiuma ha una frizzantezza delicata dal corpo medio. In bocca sviluppa note floreali e una sensazione moderata di amaro. È perfetta se servita con formaggi di media stagionatura o con il parmigiano. Bene anche con piatti della cucina mediterranea ricchi di verdure, anche speziati come possono essere quelli marocchini e senegalesi. Si sposa molto bene con primi di pasta con sughi di carne o di verdure o, ancora, con piatti di pesce come le zuppe, l’orata al forno o la spigola all’acqua pazza. Si serve in bicchieri alti e tondi e mai ghiacciata, per non far svanire tutto il suo corredo aromatico.

Anna in Casa: ricette e non solo: Latte condensato fatto in casa

Anna in Casa: ricette e non solo: Latte condensato fatto in casa

Ieri ho scoperto che il 1° giugno è la giornata mondiale del latte e che questa ricorrenza è stata istituita nel 2001 dalla FAO per rendere noto quanto questo alimento sia così importante e necessario.

Nella mia vita, prima di figlia e poi di mamma, il latte è sempre stato presente. Ricordo da bambina che mia mamma quando non volevo mangiare mi dava una tazza piena di latte e io facevo lo stesso con i miei ragazzi. 

Utilizzo spesso il latte nelle mie preparazioni e ieri, per dare risalto a questa giornata così importante, ho preparato il latte condensato, altra delizia che qui non manca mai.

Fatto in casa è più buono…voi che dite?

Ingredienti

200 g di zucchero a velo

230 ml di latte intero ( io quello fresco)

25 g di burro

4 gocce di aroma vaniglia

ultimamente io faccio dose doppia 😋

Preparazione

In un pentolino versare il latte, il burro e posizionare su fiamma medio bassa. 

Unire lo zucchero e, con l’aiuto di una frusta a mano, mescolare fino a completo scioglimento. 

Aggiungere l’aroma vaniglia e portare a bollore, continuando a mescolare. 

Una volta raggiunta l’ebollizione, lasciare sulla fiamma bassa e continuare la cottura per 15 – 20 minuti: il tempo varia a seconda del grado di densità desiderato, per me ci sono voluti 20 minuti.

Versare il latte condensato ancora caldo nel vaso sterilizzato, chiudere, capovolgere e lasciare fino a raffreddamento, in questo modo si può conservare al fresco fino ad un mese.

Se volete una conservazione più lunga, fino ad un anno, sterilizzare il vaso pieno di latte, a bagnomaria.

Per sterilizzare i vasetti cliccare QUI

Proudly powered by WordPress