Tag: Ricette

Come fare lo strudel ai broccoli

Come fare lo strudel ai broccoli

Preparate uno strudel con i broccoli oggi e avrete merende, schiscette, pranzi e cene pronti per domani e dopo! Ecco la ricetta

Lo strudel salato è un’idea facile, veloce e molto versatile da portare a tavola in tante occasioni.
Si prepara con un guscio di pasta sfoglia (o brisée se preferite una consistenza più croccante), e un ripieno di formaggi, affettati o verdure.
La ricetta classica dello strudel vorrebbe un involucro di pasta detta “pasta matta”, per essere proprio precisi, ma per far prima andrà bene anche una sfoglia. Per il ripieno potete creare la combinazione che preferite, ma in questa stagione vi consigliamo di provare la nostra versione con broccoli e scamorza.

La ricetta dello strudel con i broccoli

Ecco come fare lo strudel di broccoli.

Ingredienti

un rotolo di pasta sfoglia o brisè rettangolare
un broccolo
100 g di scamorza dolce
2 cucchiai di parmigiano
olio extravergine di oliva
sale e pepe
uno spicchio di aglio se piace
un uovo

Procedimento

Per prima cosa lavate molto bene le cimette del broccolo e scottatele per qualche minuto in acqua bollente.
A questo punto avete due possibilità: ripassare in padella i broccoli per alcuni minuti oppure no.
Nel primo caso saranno certamente più saporiti perché aromatizzati con uno spicchio di aglio e rosolati dall’olio extravergine di oliva.
Se invece preferite utilizzare broccoli semplicemente bolliti, lasciateli cuocere in acqua bollente finché non diventano morbidi e poi schiacciateli con una forchetta.
Una volta pronti i broccoli, lasciateli raffreddare e poi mescolateli con parmigiano, scamorza tritata al coltello, sale e pepe.
Intanto stendete un rotolo di pasta sfoglia o brisée sistemandolo direttamente sulla teglia che andrà in forno.
Bucherellatelo con la forchetta e poi riempitelo al centro con i broccoli.
Chiudete i due lembi di paste e sigillate le estremità come fosse un pacchetto.
Spennellate la superficie con un uovo sbattuto e infornate a 200° in forno statico per 35 minuti.

Variante con salsiccia

Broccoli e salsiccia stanno troppo bene insieme, quindi non potete non provare anche questa versione.
In questo caso vi suggeriamo di sbollentare i broccoli e poi di rosolarli in padella con la salsiccia ben sgranata.
Se non amate la salsiccia sostituitela con cubetti di speck o pancetta.

Variante con le verdure

Potete aggiungere ai broccoli anche altre verdure e ortaggi, come per esempio il cavolfiore che va sbollentato insieme ai broccoli e poi ripassato in padella, oppure la zucca arrostita in forno a 200° per 25 minuti e poi semplicemente schiacciata insieme al resto.
Se preferite un abbinamento con verdure in foglia, aggiungete spinaci, verza o bietola cotti al vapore.

Variante piccante

Broccolo chiama peperoncino, anche se nella ricetta base non lo abbiamo inserito tra gli ingredienti perché magari non a tutti piace.
Vi assicuriamo, però, che una puntina di piccante fa la differenza.
Utilizzate dei pezzettini di peperoncino fresco o di olio aromatizzato al peperoncino se amate la versione strong, oppure del delicato peperoncino in polvere o della paprika se preferite qualcosa di leggero.

Pasta brisée homemade

Se volete preparare la pasta brisée in casa, dovete avere a disposizione solo farina, burro (o olio) e acqua fredda.
Ecco la nostra ricetta della pasta brisée.

5 dolci facili con le nocciole: le ricette

5 dolci facili con le nocciole: le ricette

Una torta veloce, una frittata con le mele, uan crostata con il cioccolato e poi i tradizionali Baci di dama e i Brutti ma buoni: provateli tutti!

Le nocciole sono quel frutto che rende ogni impasto più gustoso, con quell’aroma avvolgente e la morbida dolcezza che sa di buono e di casa.
Per questo (e perché siamo nella stagione giusta) vogliamo proporvi 5 dolci facili da preparare con le nocciole, perfetti per la colazione e la merenda.

Torta alle nocciole facilissima

Solo tre ingredienti per preparare questa torta alle nocciole deliziosa.
Dividete 4 tuorli dagli albumi e montateli benissimo per almeno 5 minuti con 180 g di zucchero a velo. A parte i bianchi a neve ferma.
Aggiungete ai tuorli 200 g di nocciole tostate in padella o in forno per pochi minuti e poi tritate finemente.
Mescolate tutto anche con gli albumi e riempite uno stampo rivestito con carta forno.
Cuocete a 170° per 30 minuti in forno statico.
È già deliziosa così, ma se la ricoprite di cioccolato fondente fuso è ancora meglio.

Frittata di mele e nocciole

Si tratta di una torta che si prepara in padella e per questo ricorda un po’ una frittata. Contiene poca farina e quindi ha una consistenza particolare e umida.
Per prepararla per prima cosa cuocete in padella per pochi minuti due mele golden tagliate a fette sottili con una noce di burro e una spolverata di zucchero di canna. Se vi piacciono, un po’ di cannella e noce moscata fanno la differenza.
A parte sbattete 4 tuorli con 20 g di zucchero, 200 ml di latte, 120 g di farina 00 e 30 g di farina di nocciole.
Aggiungete poi gli albumi montati a neve e le mele raffreddate e cuocete su una padella antiaderente leggermente imburrata, o sulla stessa padella dove avete cotto le mele, circa due minuti per lato.
Servite con la granella di nocciole e abbondante zucchero a velo.
Questa torta è ottima anche con le pere che con le nocciole si sposano a meraviglia.

Crostata al cioccolato e nocciole

Una frolla croccante che avvolge un ripieno di cioccolato e nocciole.
La frolla è ovviamente alle nocciole, così come il ripieno che può anche essere una classica Nutella.
Per preparare la base mescolate 200 g di farina 00 con 100 g di farina di nocciole, 150 g di burro, 90 g di zucchero di canna e 1 tuorlo.
La frolla deve riposare per un’ora in frigo e poi può essere cotta in bianco oppure direttamente con la crema al cacao e nocciole.
Un’altra crostata alle nocciole molto interessante è quella che ha all’interno una sorta di crema al burro. Ve la consigliamo.
Se volete una versione più veloce, invece, non stendete la frolla, ma sbriciolatela per realizzare una crostata farcita.

Baci di dama

I famosi biscottini piemontesi originariamente erano fatti con la farina di nocciole, lo sapevate?
Nel tempo poi le nocciole sono state sostituite dalle mandorle, ma noi abbiamo la ricetta originale dei Baci di dama di Tortona e vi invitiamo a provarli perché sono deliziosi e facilissimi.

Brutti ma buoni

Questi biscotti hanno un nome che non gli rende giustizia perché secondo noi sono molto belli oltre che buoni.
Si preparano con la frutta secca, quindi potete scegliere tra un mix di mandorle, nocciole, noci e pistacchi, oppure solo un tipo di frutta.
Provate la nostra ricetta dei Brutti ma buoni che prevede le mandorle e sostituitele con le nocciole. Il risultato sarà strepitoso.
Per renderli ancora più golosi vi suggeriamo di tuffarli nel cioccolato fuso.

Porri: ricette perfette per farne piatti squisiti

Porri: ricette perfette per farne piatti squisiti

Più delicati delle cipolle e meno saporiti dell’aglio. Parliamo di porri: come cucinarli con le nostre ricette e i nostri consigli

Porri e cipolle non sono esattamente la stessa cosa, anche se spesso vengono confusi.
In effetti hanno più o meno la stessa versatilità in cucina. Sono simili nel gusto anche se la cipolla ha un sapore più intenso, e tutti e due si possono utilizzare per insaporire molte pietanze. Il porro è un ortaggio lungo e tubolare con un bulbo bianco all’estremità e le foglie verdi e dure.

Il porro contiene il 90% di acqua e per questo è ipocalorico e particolarmente indicato nelle diete dimagranti. 100 g contengono appena 61 calorie. Ricco di vitamine A, B e C, il porro contiene anche molti minerali come il ferro, il magnesio che fa bene al cuore, la silice che fa bene alla pelle e il calcio per rinforzare le ossa.
Grazie alle sue proprietà toniche, diuretiche, lassative e antisettiche viene impiegato per la cura di alcune malattie come le dispepsie, le anemie, l’artrite e la gotta e per problemi come emorroidi, stipsi e infezioni urinarie.

Come si puliscono i porri?

Il modo più semplice per pulirli è tagliare le foglie verdi e sistemare la parte bianca intera all’interno di un colino immerso in acqua fredda per rimuovere bene lo sporco. Per una maggiore igiene potete aggiungere anche un pizzico di bicarbonato. Si conserva in un luogo fresco oppure tagliato a pezzi e congelato.

Come si cucinano i porri?

Del porro si mangia solo la parte bianca, più fresca e profumata, mentre le foglie vengono scartate, anche se sempre più spesso ultimamente vengono utilizzate anche dai grandi chef per dare croccantezza a zuppe e vellutate.
Il porro si può cucinare in tanti modi. Può insaporire piatti di ogni genere proprio come la cipolla, ma è molto buono anche da solo, gratinato in forno o stufato.

10 ricette con i porri

Proudly powered by WordPress