Tag: Ricette

Anna in Casa: ricette e non solo: Sorpresine filanti di melanzane con bucce croccanti

Anna in Casa: ricette e non solo: Sorpresine filanti di melanzane con bucce croccanti

Fatico a stare lontano dalla cucina.
Ieri ho chiesto a mio marito di portarmi uno sgabello della taverna e oggi vorrei provare ad utilizzarlo come appoggio e magari mettere di nuovo le mani in pasta. Non voglio esagerare, comincerò con il rinfrescare il mio Almi, il lievito madre. Poi se riesco, accendo il forno e ripreparo questi deliziosi e soffici pacchettini di melanzane. Intanto vi lascio in anticipo la ricetta nel caso vogliate provare anche voi.

Ingredienti

per le sorpresine
2 melanzane (sceglietele di forma allungata)
2 mozzarelle
1 uovo
1 cucchiaio di latte
sale
q.b. di farina di fumetto di mais

per le bucce
2 cucchiai di pangrattato
1 cucchiaio di grana
avanzo dell’uovo e latte
altro latte al bisogno
pepe

Preparazione delle sorpresine

Lavare le melanzane, privarle delle estremità e sbucciarle con il pelapatate (tenere le bucce momentaneamente coperte in frigorifero), tagliarle a fettine sottili e metterle sotto sale a perdere l’acqua.
Trascorsa una mezz’ora circa, scaldare una bistecchiera su fiamma alta, tamponare le fette di melanzane con carta casa e grigliarle.
Nel frattempo tagliare la mozzarella a cubotti e lasciarla gocciolare  in modo che perda il latticello.
Una volta grigliate tutte le fette, mettere a raffreddare bene.

Disporre due fette di melanzane a croce,
mettere un tocchetto di mozzarella nel mezzo

e chiudere

sovrapponendo un lembo di fetta

alla volta

a formare un pacchettino.

Scaldare il forno a 190°.

In una terrina rompere l’uovo, unire il latte,
salare e sbatterle leggermente.
In un piatto fondo disporre la farina.
Passare ogni involtino prima nell’uovo e poi nella farina.

Allineare i pacchetti in una teglia coperta con carta forno,
irrorare con poco olio d’oliva e infornare
per 30 minuti circa, girandoli a metà cottura.

Preparazione delle bucce croccanti

Passare le bucce nell’avanzo di uovo, eventualmente aggiungendo un po’ di latte, scolarle e cospargerle con il pangrattato mescolato al grana e al pepe.
Adagiare le bucce panate in una teglia foderata con carta forno cuocerle a 190° fino a doratura.


Anna in Casa: ricette e non solo: Trecce brioche con lo zucchero

Anna in Casa: ricette e non solo: Trecce brioche con lo zucchero

Finalmente sono riuscita a sistemare un po’ di scatti, Ieri ho acceso il pc e ho scaricato decine di fotografie dalla mia macchina fotografica, comprese quelle della settimana scorsa. 

Non ditelo a nessuno ma anche se ero a riposo, seduta sulla sedia messa accanto al tavolino dove tengo la planetaria, sono riuscita a preparare le brioche.

Anni fa avevo già provato a preparare queste trecce e avevo anche scritto la ricetta sul blog, ma cercandola non c’è più, forse l’ho eliminata senza saperlo. mah…

Per fortuna Laura, del canale youtube la cucina del cuore ha pubblicato la sua ricetta e, detto fatto, ho dovuto preparare queste incredibili brioche.

Sono semplici e golosissime; provate anche voi, seguite la mia ricetta passo passo, non rimarrete delusi. Domenica, seduta sul mio sgabello d’appoggio, le voglio rifare 😉

Ingredienti

per l’impasto

385 g di farina

160 g di latte a temperatura ambiente

60 g di zucchero

10 g di miele

60 g di burro morbido

10 g di lievito di birra

1 cucchiaino di estratto di vaniglia

pizzico di sale

latte per spennellare 

per rifinire

q.b. di acqua

q.b. zucchero

Preparazione

Potete lavorare l’impasto sia con la planetaria che a mano (in questo caso ci vorrà più tempo per ottenere un composto liscio, omogeneo ed elastico).

Nella ciotola della planetaria versare il latte

sbriciolare il lievito di birra,

aggiungere lo zucchero

ed infine il miele.

Mescolare bene con una forchetta o una frusta,

coprire e lasciare agire il lievito per una decina di minuti.

Passato il tempo di riposo, aggiungere l’estratto di vaniglia,

la farina,

il burro morbido e un pizzico di sale.

Azionare la planetaria con l’inserto a gancio.

Impastare fino ad ottenere un composto omogeneo, 

liscio ed elastico 

(pizzicandolo e tirandolo leggermente la pasta si allunga e risulta trasparente).

Ungere il piano di lavoro con un po’ di burro sciolto 

e trasferirvi l’impasto pronto.

  

Dividere il composto in pezzi, 

calcolando che ogni brioche è composta 

da una pallina di impasto più grande e una più piccola. 

Dividendo il mio impasto ho ottenuto

9 palline dal peso di circa 80 g e 9 palline più piccole di circa 40 g.

Da ogni pallina grande ricavare un cordoncino lungo circa 40 cm e 

da dalle palline più piccole un cordoncino di circa 30 cm.

Al centro del cordone più lungo, fissare il cordone più corto.

Procedere intrecciando (come per formare le trecce con i capelli) 

seguendo dalla fig 1

fig 2

fig 3

fig 4

fig 5

fig 6

 alla fig 7

 Concludere l’intreccio inserendo la fine dell’intreccio 

al di sotto della brioche formata.

Sistemare le brioche sulla teglia foderata,

coprire con un canovaccio 

e mettere in forno con la luce accesa fino al raddoppio.

A lievitazione avvenuta, togliere la teglia e 

scaldare il forno a 180°C.

Prima di infornare le brioche, 

spennellarle delicatamente con un po’ di latte.

Infornare per circa 15 minuti o fino a doratura, 

ma non eccedere nella cottura altrimenti 

le brioche risulteranno troppo secche.

Nel frattempo preparare una ciotolina con dell’acqua,

una teglietta con dello zucchero semolato e 

una gratella per sistemare le brioche da raffreddare.

A cottura completata, togliere le treccine,

una alla volta, spennellarle con l’acqua

e passarle nello zucchero.

Delicatamente far scendere lo zucchero in eccesso e 

appoggiarle sulla gratella prima preparata.

Lasciare raffreddare e gustare.

Anna in Casa: ricette e non solo: Mafaldine di Laura

Anna in Casa: ricette e non solo: Mafaldine di Laura

Della bella Sicilia, terra del mio papà, ho molti ricordi e molti di questi sono anche legati alla cucina. Dovrei scrivere ore per poter elencare quante sono le golosità che amo, ma oggi vi voglio far conoscere questo ottimo pane, che riporta alla tavola delle vacanze di quando ero piccola.
Le mafaldine sono dei panini di semola croccanti e dorati fuori e morbidissimi dentro, cosparsi in superficie con semi di sesamo.
Il merito della riuscita di questi gustosissimi panini è della mia amica virtuale Laura che vi consiglio di seguire sul canale La cucina del cuore – youtube e sui social. Tutte le sue ricette sono spiegate benissimo e soprattutto sono ottime e collaudate.

Ingredienti

400 g di farina di semola
100 g di farina 00
350 ml di acqua appena tiepida
40 ml di olio d’oliva
5 g di miele di acacia o di malto
5 g di lievito di birra fresco
10 g di sale

Preparazione

In una ciotola (io ho utilizzato quella della planetaria ma potete impastare anche a mano, ci vorrà ovviamente più tempo) versare l’acqua, aggiungere il lievito e il miele. Mescolare bene, coprire con pellicola trasparente e aspettare 10 minuti.
Trascorso il tempo aggiungere le farine e l’olio.

Iniziare ad impastare e, quando l’impasto è omogeneo, 

unire il sale e lasciare lavorare ancora per qualche minuto.

Trasferire l’impasto sulla spianatoia leggermente 

unta e formare una palla.

Rimettere la pasta nella ciotola, 

coprire con pellicola e lasciare per 10 minuti.

 

Finito il riposo, riportare l’impasto sulla spianatoia leggermente

 infarinata e dividerla in parti di ugual peso.

Stendere ogni parte con le dita a formare un rettangolo,

arrotolare la forma per

ottenere un involtino.

Adagiare le forme ottenute su una teglia 

foderata con carta forno,

coprire con un canovaccio pulito e

lasciare riposare per altri 10-15 minuti.

Dopo il tempo richiesto, prendere un rotolino 

alla volta e rollarlo a formare un salsicciotto

da allungare, fino ad ottenere la forma 

di un grissino dal diametro di circa 1 cm, 

1 cm e 1/2 e lungo circa 60 cm.

Partire da un lato ripiegando il l’estremità

fino ad ottenere

una serpentina, avendo cura di lasciare un pezzo dritto.

PS scusate qui manca lo scatto, ma rimedierò.

A questo punto, ripiegare leggermente 

il dito di impasto sotto il la forma e

poi allungarlo ad attraversare tutto la serpentina, 

fissando l’estremità sotto altra parte della forma 

(dove avevate iniziato a formare la serpentina).

Con l’aiuto di una paletta, adagiate le mafaldine 

sulla teglia foderata con carta forno.

Spennellare leggermente la superficie 

dei panini con acqua  e

cospargere con i semi di sesamo.

Ecco le mafaldine pronte da far lievitare.

Coprire la teglia con un canovaccio e 

metterla in forno con la luce accesa 

fino al raddoppio delle forme.

Scaldare il forno a 200°C. 

Inserire a forno caldo una vaschetta con dell’acqua 

per creare un po’ di umidità che renderà 

la superficie dei panini croccante e l’interno morbido.

Infornare e cuocere a 200°C per 20 minuti e

 a 180°C per 10-15 minuti.

I panini sono pronti quando sono ben 

dorati sia in superficie che sotto.

Trasferire i panini su una gratella per farli raffreddare bene.

Proudly powered by WordPress