Tag: pranzo veloce

Come si fanno gli strascinati, i cugini delle orecchiette

Come si fanno gli strascinati, i cugini delle orecchiette

Attenzione: non sono la stessa cosa, in Puglia ci tengono alla differenza. Ecco di cosa si tratta e come prepararli in casa

Cosa c’è di meglio della pasta fresca fatta in casa? Intanto è buona: solo ingredienti di prima qualità, che tutti abbiamo sempre in casa. Poi è divertente: mettere le mani in pasta è un’attività rilassante e soddisfacente, creare qualcosa con le proprie mani entusiasma sempre sia grandi che piccini. D’accordo, ci vuole del tempo, ma il risultato ripaga di ogni fatica.

Oggi per esempio vi proponiamo gli strascinati: ne avete mai sentito parlare? Tipo di pasta originario della Puglia e della Basilicata, è simile alle orecchiette, ma dal formato più grande. Si chiamano così proprio perché le dita “trascinano” il pezzetto di pasta, fino a dargli la tipica forma oblunga e concava.

Se volete cimentarvi nel prepararli, leggete i passaggi della ricetta qui sotto; nella gallery, invece, troverete qualche consiglio su quali condimenti abbinare per gustarli al meglio.

Come fare gli strascinati

Ingredienti

Per fare in casa gli strascinati, vi occorrono: 400 gr di farina di grano duro, acqua tiepida e sale qb.

Procedimento

Sulla spianatoia formate la fontana di farina, nel cratere versate pian piano l’acqua tiepida, impastando per circa un quarto d’ora, ottenendo un composto liscio e omogeneo. Mettete a riposo il panetto coperto da un panno di cotone per circa mezz’ora. Poi, staccate dall’impasto dei blocchi, dai quali con l’aiuto delle mani, creerete dei lunghi serpentelli, che taglierete a tocchetti di 3 cm ciascuno. Ora arriva la parte divertente: prendete un tocchetto e con indice, medio e anulare, trascinatelo fino a stenderlo del tutto. Non premete troppo per non creare buchi nella pasta. Prima di lessarli, gli strascinati vanno fatti riposare per un quarto d’ora. Poi tuffateli nell’acqua bollente: quando salgono in superficie, sono pronti per essere scolati e serviti.

Ora vanno conditi: per scoprire quale sugo si sposa meglio con gli strascinati, dai un’occhiata alla nostra gallery!

» Vinaigrette alla senape – Ricetta Vinaigrette alla senape di Misya

Misya.info

La vinaigrette alla senape è una variante di uno dei più classici dei condimenti: la vinaigrette. Il principio di base è lo stesso, ovvero l’emulsione tra olio e aceto, ma in più si aggiunge per l’appunto la senape, col suo sapore pungente, perfetto per verdure e insalate, ma anche per piatti a base di carne. Anche in questo caso, il mio consiglio è di prepararla all’ultimo momento, in quanto riposando olio e aceto tenderebbero a separarsi, quindi nel caso andrebbero riemulsionati nuovamente. Come per la versione classica, anche qui potete aggiungere aromi a fine procedimento. Ora vi lascio alla ricetta e ci leggiamo più tardi.

 

Mettete in una ciotolina sale, pepe, senape e aceto e mescolate fino a far sciogliere completamente il sale.
Aggiungete quindi l’olio a filo, mescolando nel frattempo con una frusta a mano, continuando a mescolare fino ad ottenere un condimento omogeneo.

La vinaigrette alla senape è pronta: aggiungete spezie o aromi a piacere, oppure usatela subito così com’è.

» Scendiletto alle ciliegie – Ricetta Scendiletto alle ciliegie di Misya

Misya.info

Innanzitutto preparate la frolla: mettete tutti gli ingredienti (farina, burro, zucchero, uovo, tuorlo, sale e buccia di limone) in una ciotola e impastate velocemente fino ad ottenere un panetto omogeneo, quindi copritelo con pellicola trasparente e fatelo riposare in frigo per almeno 30 minuti.

Nel frattempo iniziate a preparare il ripieno: lavate le ciliegie, denocciolatele, quindi cuocetele in padella antiaderente con lo zucchero: quando inizieranno a rilasciare il loro succo, aggiungete la maizena, amalgamate bene e cuocete finché il sughetto non si sarà ristretto.

Lasciate raffreddare completamente le ciliegie, quindi unite la marmellata e la farina di mandorle e amalgamate.

A questo punto componete il dolce: riprendete la frolla, dividetela circa a metà (cercate di fare un pezzo leggermente più grande dell’altro) e stendete entrambi i pezzi in sfoglie sottili.
Usate la sfoglia più grande per rivestire fondo e bordi dello stampo (coperto di carta forno).
Riempite con la farcia di ciliegie, quindi coprite con la seconda sfoglia e sigillate bene i bordi.

Cuocete per circa 35 minuti in forno ventilato preriscaldato a 180°C.

Lo scendiletto alle ciliegie è pronto: fatelo almeno intiepidire, decorate con zucchero a velo e servite.

Proudly powered by WordPress