Tag: pasta

» Pasta e patate con le vongole

Misya.info

Innanzitutto mettete per almeno 2 ore le vongole in ammollo in acqua fresca, per farle spurgare dalla sabbia, quindi sciacquatele bene sotto acqua corrente, infine cuocete per pochi minuti a fiamma bassa in una casseruola con coperchio, finché non saranno tutte aperte.
Sgusciate le vongole (tenendone da parte qualcuna col guscio per decorare i piatti), infine filtrate e conservate il fondo di cottura.

Pelate le patate, lavatele bene e tagliatele a dadini.

Mondate e tritate la cipolla e fatela soffriggere in una casseruola con dell’olio, quindi unite pomodori e basilico lavati insieme con le patate, fate insaporire per un paio di minuti, quindi unite il fondo di cottura delle vongole e acqua fino a coprire completamente le patate, coprite con coperchio e portate a ebollizione.

Fate bollire per 10-15 minuti, quindi sollevate 1/3 delle patate con una schiumarola, schiacciatele con una forchetta e mescolatele con il pecorino.

Calate la pasta nelle patate restante e portate a cottura, aggiungendo altra acqua calda solo se necessario.
A fine cottura aggiungete la crema di patate e pecorino e le vongole.

Mescolate delicatamente e aggiustate di sale e pepe.

La pasta e patate con le vongole è pronta: servitela decorando i piatti con le vongole col guscio messe da parte.

» Conchiglie di pasta frolla salata

Misya.info

Innanzitutto preparate la frolla, unendo tutti gli ingredienti insieme in una ciotola e lavorandoli velocemente fino ad ottenere un panetto sodo e omogeneo, che dovrete avvolgere con pellicola trasparente e lasciar riposare in frigo per almeno 30 minuti.

Nel frattempo, cuocete le uova in acqua fredda, per circa 4-5 minuti dal bollore, quindi sgusciatele e lasciatele intiepidire.
Stendete la frolla in una sfoglia sottile, ritagliate seguendo i bordi dei vostri stampini, fate aderire bene l’impasto alle conchiglie imburrate e bucherellate la superficie.

Man mano che sono pronte, posizionate le vostre conchiglie sulla teglia e cuocete per circa 20 minuti a 180°C, in forno ventilato già caldo.

Mentre le conchiglie cuociono, preparate le uova sode, mettendole in acqua fredda e cuocendole per 4-5 minuti dall’ebollizione, quindi scolatele, sgusciate e lasciatele raffreddare.
Fate raffreddare i gusci, quindi staccateli delicatamente dallo stampo e farciteli, accoppiandoli poi a 2 a 2 per simulare la doppia valva dell’ostrica.

Le conchiglie di pasta frolla salata sono pronte, non vi resta che servirle.

Ricetta Pasta ’ncasciata del commissario Montalbano

Ricetta Pasta ’ncasciata del commissario Montalbano

«Nel forno troneggiava una teglia con quattro enormi porzioni di pasta ’ncasciata, piatto degno dell’Olimpo; se ne mangiò due porzioni, rimise la teglia nel forno, puntò la sveglia, dormì piombigno per un’ora, si alzò, si fece la doccia, si rivestì coi jeans e la camicia già allordati, arrivò in ufficio». (Tratto da Il cane di terracotta di Andrea Camilleri, Sellerio, 1996)

  • 650 g 2 melanzane
  • 500 g pasta corta tipo sedanini rigati
  • 300 g passata di pomodoro
  • 250 g polpa macinata di manzo
  • 200 g caciocavallo
  • 100 g pecorino grattugiato
  • 80 g salame
  • 2 uova sode
  • vino bianco secco
  • olio di arachide
  • olio extravergine di oliva
  • aglio
  • sale

Per preparare la famosa pasta ’ncasciata del commissario Montalbano, scaldate 3 cucchiai di olio extravergine in un tegame con un altro spicchio di aglio, unite la passata di pomodoro e cuocete dolcemente per 30 minuti.
Rosolate 1 spicchio di aglio schiacciato con la buccia in una casseruola velata di olio extravergine. Unite la polpa di manzo e cuocete per 5-6 minuti; sfumate con 1/2 bicchiere di vino bianco, unite il salame a tocchetti e continuate a cuocere per altri 15-20 minuti. Riducete il caciocavallo a dadini.
Tagliate le melanzane a cubetti, accomodateli in uno scolapasta salandoli a mano a mano. Lasciateli eliminare l’acqua per almeno 30 minuti. Sciacquateli, tamponateli delicatamente con carta da cucina e friggeteli in abbondante olio di arachide bollente per 1-2 minuti al massimo. Scolateli su carta cucina.
Lessate la pasta al dente, scolatela e conditela con la salsa di pomodoro, la polpa di manzo, le melanzane fritte, 3/4 dei dadini di caciocavallo e 80 g di pecorino. Tagliate a tocchetti le uova sode.
Distribuite la pasta condita in una pirofila unta di olio, unendo anche le uova. Completate alla fine con il resto dei dadini di caciocavallo e del pecorino. Infornate a 190 °C per 10-15 minuti al massimo. Sfornate e servite subito.

Proudly powered by WordPress