Tag: pasta

Lorighittas, la pasta sarda artigianale fatta dalle donne

Lorighittas, la pasta sarda artigianale fatta dalle donne

Le lorighittas, un particolare tipo di pasta fresca sarda della provincia di Oristano, vengono preparate e intrecciate artigianalmente dalle donne del paese da oltre 100 anni

Alle pendici del monte Arci, nella Sardegna occidentale, sorge il paese di Morgongiori in provincia di Oristano, di circa 800 abitanti, conosciuto a livello regionale per i suoi tappeti e arazzi artigianali. Questo paesino, in realtà, custodisce anche un segreto che viene tramandato di generazione in generazione, ovvero la ricetta e la tecnica di preparazione della lorighittas, una pasta dal formato speciale, intrecciata a mano, che può essere considerata una vera e propria perla della tradizione gastronomica sarda.

Le lorighittas, tra tradizione e racconti popolari

La prima testimonianza scritta riguardante le lorighittas risale al XVI secolo, all’interno di un rapporto sulle attività economiche regionali stilato per il re di Spagna, che all’epoca aveva il controllo su gran parte del Sud Italia, tra cui Sardegna, Napoli e Sicilia. In questo documento veniva infatti menzionata una particolare pasta sarda, intrecciata e a forma di anello. La tradizione delle lorighittas fu a lungo legata alla celebrazione della festa di Ognissanti, il 1° novembre. Era infatti consuetudine che le donne del paese si radunassero nelle cucine, nei giorni precedenti, e trascorressero il tempo insieme, impastando farina di semola e acqua e intrecciando la pasta su tavoli di legno. Le lorighittas venivano poi disposte su canestri di vimini, con un ordine ornamentale che ricordava i centrini di pizzo, e lasciate ad asciugare. Era durante questo momento di attesa che si procedeva con la preparazione della salsa, ovvero un sugo di pomodoro arricchito con carne di galletto ruspante, a volte sostituito con carne di maiale o di cinghiale nelle famiglie più abbienti.

Allora, come oggi, la preparazione è fatta esclusivamente a mano e richiede destrezza, meticolosità e molto tempo. Si pensi che solamente per la preparazione dell’impasto, una lavorazione che include la graduale aggiunta di acqua salata per rendere le lorighittas più morbide, servono almeno 30 minuti.
Inoltre, il fatto che da tradizione a occuparsi di questa pasta artigianale locale siano da sempre le giovani donne del paese, che tramandano poi la ricetta alle generazioni successive, lo si deve probabilmente alla cultura pastorale sarda in base alle quale era dovere delle donne prendersi cura delle preparazioni alimentari mentre gli uomini erano impegnati nei campi.
Sull’origine del nome, lorigas, tante sono le teorie e le storie popolari. Si racconta, ad esempio, che la pasta fosse chiamata così perché ricorda le escrescenze del collo delle caprette o dei maiali, o dalla traduzione letteraria “anelli di ferro” perché la forma è simile a quella degli orecchini a cerchio intrecciati che indossavano le donne o degli anelli di ferro che un tempo erano fissati alle mura delle case locali per legare cavalli e buoi quando gli uomini tornavano dai campi.

Le lorighittas oggi

Mentre nelle case di Morgongiori le donne portano avanti la tradizione, la produzione viene portata avanti, sempre con procedimento artigianale e manuale, anche da alcuni laboratori. Dal 2006, inoltre, il consiglio comunale grazie a un programma finanziato dalla Ue, ha lanciato un progetto, Asso Lori, che si occupa della valorizzazione, del rilancio e della tutela di questa pasta unica al mondo, supportando così i produttori locali. Sebbene la pasta sia ancora poco nota al di fuori della Sardegna, la richiesta da parte dei consumatori aumenta sempre di più.
Oggi le lorighittas sono un piatto forte di molti ristoranti sardi e tanti sono gli chef che propongono ricette originali con prodotti di terra e di mare.
Inoltre la città di Morgongiori continua a dedicare la prima domenica di agosto alle lorighittas in un festival cittadino chiamato Sagra delle lorighittas, così da mettere in mostra il suo prezioso patrimonio culinario.

Foto: Lorighittas pasta sardegna_fugzu_Flikr.jpg; Lorighittas @Instagram https://www.instagram.com/p/Br-A0XxF5Je.

Pasta sfoglia, 10 ricette veloci

Pasta sfoglia, 10 ricette veloci

Abbonamento annuale
(12 numeri) solo € 26,40

45%sconto

Ogni anno oltre 1.000 nuove ricette provate per voi nella cucina di redazione.
Spunti, idee e suggerimenti per divertirsi ai fornelli e preparare piatti di sicuro successo.
La Cucina Italiana, recentemente rinnovata nella veste grafica, propone anche rubriche
che vanno dalla scuola di cucina all’educazione alimentare dei più piccoli, dal turismo enogastronomico
alle nuove tendenze.

I vantaggi sono tantissimi, inclusa la possibilità di leggere la tua rivista su tablet!

Servizio clienti

Ti vuoi abbonare? Sei abbonato ma la copia non ti è arrivata? Hai cambiato indirizzo?
Per queste e altre domande il Servizio Abbonamenti è a tua disposizione:
E-mail: abbonati@condenast.it
Telefono: 199 133 199* dal lunedi al venerdi dalle 9.00 alle 18.00.
Fax: 199 144 199

Vai al servizio clienti
Vuoi richiedere un arretrato, di un numero in edicola o di uno speciale?
Vai al servizio arretrati

* Il costo della chiamata per i telefoni fissi da tutta Italia è di 11,88 centesimi
di euro al minuto + iva senza scatto alla risposta. Per le chiamate da cellulare
i costi sono legati all’operatore utilizzato.

» Pasta con crema di patate e salsicce

Misya.info

La pasta con crema di patate e salsicce è un primo piatto ricco e saporito, assolutamente perfetto per la fredda stagione invernale (ma non solo!) Facilissima da fare, si presta anche a qualche variante: ad esempio, io ho aggiunto la curcuma per rendere il sapore ancora più interessante, ma anche per dare un tocco di colore. Voi se preferite potete ometterla o aggiungere delle erbette aromatiche: secondo me timo o rosmarino ci starebbero benissimo! Insomma, potete riprodurre la ricetta così come ve l’ho proposta io, o scatenare la fantasia per adattarla al vostro gusto… Ovviamente poi voglio sapere che variante sceglierete di fare 😉
Ragazze, ma avete visto la novità? vi piace il sito nuovo? Dopo l’ufficio e la cucina, anche il mio blog aveva bisogno di una rinfrescata e così, dalle sapienti mani di mio marito e di Giovanni, il nostro grafico è online il nuovo Misya, più accessibile da cellulare e con un’usabilità più immediata anche da desktop. Spero vi piaccia, e se trovate errori, segnalatemeli, all’inizio si, sa, potrebbe sempre uscire qualche errorino 😉 Bacini a tutti!!!

  • Tempo di preparazione preparazione: 10 min
  • Tempo di cottura cottura: 50 min
  • Tempo totale totale: 1 ora
Pasta con crema di patate e salsicce
Pasta con crema di patate e salsicce

Procedimento

Come fare la pasta con crema di patate e salsicce

Lavate e pelate le patate e tagliatele a cubetti piuttosto piccoli.
Mondate la cipolla e tritatela.

Mettete le verdure in una padella con un filo d’olio e fatele rosolare per 5-10 minuti.
Aggiungete il brodo e fate cuocere a fuoco basso col coperchio finché le patate non inizieranno a sfarsi, senza però far asciugare completamente il brodo (in caso dovesse asciugarsi troppo, aggiungete un po’ d’acqua). Ci vorranno circa 20-30 minuti.
A fine cottura aggiungete la curcuma.

Frullate le patate col brodo rimasto: dovrete ottenere un composto liscio, omogeneo e cremoso.
Aggiustate di sale e mettete da parte.

Eliminate il budello dalle salsicce e sgranatele un po’, quindi fatele rosolare in padella con un filino d’olio.

Cuocete la pasta scolandola ben al dente e ricordandovi di tenere da parte un po’ di acqua di cottura.
Aggiungete la pasta alla crema di patate, aggiungendo acqua di cottura se necessario.
Unite anche le salsicce e fate insaporite per un minuto, quindi ma Tecate con pepe e parmigiano.

La vostra pasta con crema di patate e salsicce è pronta: impiattate e servitela subito.

Ricette correlate

Ricette simili a Pasta con crema di patate e salsicce

I vostri commenti

Lascia il tuo commento su Pasta con crema di patate e salsicce

Proudly powered by WordPress