Tag: menu veloce

Ricetta Bavarese al caffè, la ricetta perfetta

Ricetta Bavarese al caffè, la ricetta perfetta
  • 300 g latte
  • 120 g zucchero
  • 50 g caffè in grani
  • 4 g agar‑agar
  • 350 g panna montata
  • 1 disco di pan di Spagna
  • liquore a scelta
  • 250 g caffè espresso
  • 40 g zucchero
  • agar‑agar

Per la bavarese
Far bollire per 3 minuti 300 g di latte con 120 g di zucchero e 50 g di caffè in grani, quindi spegnere e lasciare in infusione per 5 ore. Filtrare il composto per eliminare i chicchi, riscaldarlo nuovamente e stemperarvi 4 g di agar‑agar. Lasciare raffreddare e, appena comincia a rapprendersi, unire 350 g di panna montata. Porre 1 disco di pan di Spagnain uno stampo a cerniera (ø 18 cm), spennellarlo con un liquore a scelta e versarvisopra la bavarese. Porre in frigorifero per 6 ore.

Per la gelatina
Preparare 250 g di caffè espresso e mescolarlocon 40 g di zucchero. Portarlo sul fuoco e sciogliervi1/2 cucchiaino di agar‑agar, quindi lasciareraffreddare. Versare la gelatina sulla bavarese prima che cominci a rapprendersi, in uno strato uniforme.

Per completare
Decorate il dolce con chicchi di caffè, in parte frantumati.

Anna in Casa: ricette e non solo: Rotolo di parmigiana

Anna in Casa: ricette e non solo: Rotolo di parmigiana
 

Oggi corro, faccio tutte le mie cose, vado da mamma e poi finalmente vaccino. Sono contenta e curiosa, chissà quale farò dei quattro, io spero Johnson così con una dose sono a posto, poi quel che sarà sarà.

In attesa che arrivi presto stasera, vi lascio la mia idea di parmigiana.

 

Ingredienti 

2 melanzane tonde

1 tazza salsa di pomodoro  

1 tazza di formaggio a pasta dura grattugiato

formaggio grattugiato

sale e pepe

Procedimento 

Privare le melanzane di buccia e parti di scarto, tagliarle a fette sottili e grigliarle.

 Disporre su carta forno le fette grigliate sovrapponendole leggermente, a formare un rettangolo.

Stendere la salsa di pomodoro, tenendone un po’ da parte, aggiustare di sale e pepe.

Cospargere con il formaggio a pasta dura grattugiato,

Insaporire con origano e finire 

con il formaggio grana, tenendone da parte un po’ da cospargere sul rotolo.

Partendo dal lato superiore del rettangolo, iniziare ad avvolgere aiutandosi con la carta forno,

fino a formare un rotolo.

 

Con la stessa carta, chiudere il rotolo,

adagiarlo su pellicola trasparente e 

Stringere bene il salame e riporlo in frigorifero per una mezz’ora circa.

trascorso il tempo di raffreddamento scaldare il forno a 180*C.

Riprendere il rotolo, toglierlo dalla carta forno perché umida e adagiarlo su un foglio nuovo.

Per agevolare la cottura ed evitare che il rotolo perda la forma io ho utilizzato uno stampo da plum-cake.

Spalmare la superficie del rotolo con la salsa tenuta da parte,

Cospargere con il formaggio grattugiato restante e con origano.

Infornare a caldo per 20 minuti circa.

Togliere dal forno e lasciare intiepidire il rotolo prima

di sformarlo e tagliarlo a fette.

Come organizzare spesa e dispensa

Come organizzare spesa e dispensa

Avete mai visto una di quelle trasmissioni televisive di case dalle improbabili con condizioni di disordine e mancanza di igiene assurde?

Io si e devo dire che ho dovuto smettere di guardarle perchè provocavano in me una immediata voglia di svuotare mobili, buttare, pulire e igienizzare tutto quello che vedevo. 

Precisiamo che io non sono malata di igiene e ordine, anzi come già vi ho scritto, ho delle oasi di disordine che farebbero rizzare i capelli a molti.

Basta divagare, oggi vorrei parlarvi di come organizzo la mia dispensa, iniziando da come faccio la spesa.

Sempre, ma soprattutto in questo periodo di pandemia, utilizzate i guanti per toccare i prodotti freschi, quali frutta e verdura.

Personalmente prima di riporre i prodotti acquistati in frigorifero e dispensa, li passo con un panno appena imbevuto con alcool alimentare.

La mia spesa

– Come tutti, man mano che finisco un prodotto lo segno su un foglietto che normalmente suddivido in base alle corsie, partendo da come sono messe in entrata al supermercato.

Ad esempio dove vado io di solito si parte con la corsia dedicata agli animali, per poi proseguire con aree dedicate ai detersivi, igiene personale ed infine il cibo (quest’ultimo suddiviso in frutta e verdura – scatolame e lunga conservazione – freschi – surgelati), ecc.

Seguendo questo “viaggio” velocizzo la spesa iniziando dalle crocchette per la pelosa di casa e finendo con i surgelati, che vanno comunque acquistati per ultimi.

– Cerco di non utilizzare i sacchetti monouso ma borsoni (ahimè in plastica) che una volta venivano date in omaggio, ora si pagano.

Ogni borsone ha un suo scopo: uno per i detersivi, uno per le cose impacchettate e una borsa frigo per i freschi.

 

Alcuni consigli 

– Controllate sempre, ove possibile, gli sconti il prezzo al kg del prodotto.

– In alcuni supermercati vengono creati delle isole o dei cesti con prodotti a scadenza vicina, non diffidate, a volte si trovano delle buone occasioni, basta solo magari riprogrammare la preparazione di pranzo e cena.

– A volte è conveniente andare a fare la spesa, avendone la possibilità, nelle ore tarde del pomeriggio; a volte si trovano prodotti quali freschi scontati anche del 50%.

– Come alcuni, anche io cerco di andare a fare la spesa a stomaco pieno per evitare di comprare ciò che non mi serve.

 

 

La mia dispensa

Io sono ossessionata da insetti e farfalline e per questo pulisco la dispensa ogni due/tre mesi; la svuoto completamente, la pulisco con acqua e aceto , asciugo e poi ripongo tutto all’interno, seguendo sempre lo stesso schema. Perchè lo stesso schema? Semplice, quando ho bisogno di un prodotto devo sapere dove è posizionato. Inoltre se chiedo aiuto devo saper dare indicazioni su dove cercare.

Ovviamento tutto è riposto in ordine di data di scadenza.

– lattine, barattoli in vetro e plastica li passo con uno spray di alcool alimentare a 90°, che tengo sempre a portata di mano. 

– le uova, prima di riporle (le tengo nella dispensa non in frigorifero) le passo con un panno appena umido.

– per zucchero, farine e cereali  utilizzo delle scatole di latta rivestite internamente con un sacchetto che poi richiudo intorno alla confezione originale.

– Lieviti dolci e salati, fialette di aromi, vanillina e altro sono riposti in scatoline di latta o plastica.

 

 

Proudly powered by WordPress