Tag: salsa

Lonza in casseruola con salsa di carote e patate

Lonza in casseruola con salsa di carote e patate

Scrivere le ricette, scaricare le fotografie, modificarle e inserire il logo, è la parte che meno mi piace dell’avere un blog. Se fosse per me i miei post sarebbero dei fogliettini volanti ricchi di scarabocchi, fotografati e pubblicati senza filtri e troppo lavoro.
Spesso le fotografie le faccio di sera o nel tardo pomeriggio e stessa cosa succede per la preparazione del post al pc. Proprio come lo scatto di oggi che mostra il modo in cui ogni giorno scelgo la fotografia, preparo una anteprima del post che pubblicherò e infine faccio la prova di come risulterà sullo schermo di un tablet o di un cellulare.
Oggi l’immagine che vedete è quella del piatto visto come lo vedo io proprio mentre sto finendo di scrivere la ricetta.

Ingredienti

800 g di lonza di maiale
4 carote
2 patate di media grossezza
1/2 bicchiere di vino bianco
4-5 cucchiai di olio extravergine d’oliva
1/2 l circa di brodo di dado

per insaporire
1/4 di bicchiere di olio extravergine d’oliva
rosmarino e salvia tritati
1/2 bicchiere di vino bianco
sale e pepe

Preparazione

In un piatto fondo mettere gli ingredienti per insaporire e mescolare bene.

Prendere il pezzo di lonza e massaggiarlo bene con gli ingredienti appena preparati.

Legare la carne con lo spago per alimenti e avvolgerla in un foglio di pellicola trasparente.

Mettere la carne in frigorifero per un’ora circa (io a volte la preparo insaporita la sera prima).

Nel frattempo lavare le carote, pelarle e tagliarle a rondelle.

Lavare bene anche le patate, pelarle e tagliarle a tocchetti.

Unire la carne e farla rosolare a fiamma medio alta su tutti i lati.

Sfumare con il vino bianco, sempre a fiamma medio alta.

Unire le carote e le patate prima preparate,

Aggiungere il brodo fino a metà della carne.

Coprire con il coperchio la casseruola e cuocere per 1 ora e 1/4 circa,

girando di tanto in tanto la carne.

A cottura ultimata, togliere la carne e avvolgerla in un 

foglio di alluminio e tenerla da parte per una decina di minuti.

Con una schiumarola togliere le verdure versarle in un contenitore con uno due cucchiai di brodo di cottura. Con il minipimer frullare il tutto fino ad ottenere una crema liscia ed omogenea (se servisse unire poco brodo alla volta).
Tagliare a fette la carne e posizionarle su un piatto da portata, distribuire una parte della salsa sulle fette e servire con il contorno che più vi piace. La salsa che rimane potete portarla in tavola a parte.

Che cos’è lo zhoug, la salsa israeliana che tutti amano

Che cos’è lo zhoug, la salsa israeliana che tutti amano

Lo zhoug, salsa piccante israeliana, sta diventando un trend internazionale, conquistando sia chef internazionali sia social media

Zhoug, zhug o skhug; questi sono solo alcuni dei tanti modi con cui viene chiamata una deliziosa salsa piccante tipica della cucina iraniana. Questo condimento, molto amato e utilizzato in Israele, nello Yemen e in altri paesi mediorientali, da qualche anno sta iniziando a spopolare anche nel resto del mondo e in particolare negli Stati Uniti. Diversi sono gli chef internazionali che la apprezzano, molti sono i ristoranti nei quali la salsa fa la sua apparizione nel menu ma, soprattutto, tanta è la visibilità sui social media, dove sta diventando una vera e propria tendenza alimentare.

Zhoug, nuova alternativa alla sriracha o al pesto?

Sebbene dello zhoug esistano diverse varianti, quella più diffusa nella cucina popolare israeliana è di colore verde e viene preparata con foglie di coriandolo fresco, peperoncino piccante verde, aglio e cumino, talvolta con aggiunta di prezzemolo, chiodi di garofano, semi di cumino e succo di limone. Per l’altrettanto saporita versione rossa, che ricorda la famosa salsa sriracha di origine thailandese, vengono invece utilizzati peperoncini rossi e salsa di pomodoro. Sia lo zhoug verde che quello rosso, similmente ai più noti hummus e tahina, vengono utilizzati nella cucina mediorientale come condimento per aromatizzare pane pita, falafel, shawarma (termine arabo per kebab) e shakshouka, un piatto tunisino molto diffuso in Israele che consiste in uova in camicia con salsa di pomodoro, peperoncino, aglio e spezie varie.
Non mancano, infine, anche ricette moderne dello zhoug che prevedono l’aggiunta di olio, così da renderlo una cremosa salsa che può rappresentare una valida alternativa piccante e leggera al pesto.

Dal Medio Oriente alla conquista dei social media

Questa irresistibile salsa piccante, oltre a essere aromatica e gustosa, è priva di zucchero, di glutine, di frutta secca ed è prodotta con ingredienti 100% vegetali e naturali, il che la rende adatta a tante tipologie di diete. Il coriandolo fresco è inoltre considerata un’erba dalle notevoli proprietà antiossidanti, molto più del basilico, e contiene una grande quantità di betacarotene. Tutte queste caratteristiche, unite al crescente interesse di Stati Uniti e di molti paesi occidentali di scoprire e integrare la cucina mediorientale, ha fatto sì che la popolarità dello zhoug nel mondo aumentasse a dismisura. Nell’ultimo anno, in particolare, questo condimento israeliano è stato ufficialmente riconosciuto come food trend anche sui social network, in particolare su Instagram e su Facebook. Questo dato è stato diffuso recentemente da Tastewise, una startup di analisi di trend alimentari e culinari statunitensi con sede principale in Israele. Secondo il fondatore di Tastewise, ex dirigente di Google, l’impennata considerevole nel consumo e nella visibilità online di questa salsa in America è dovuta proprio alla tendenza di molti consumatori e food lover di esplorare nuovi sapori esotici e di scoprire nuove esperienze culinarie che siano allo stesso tempo il più possibile salutari e naturali.

Foto: zhough salsa piccante israeliana_Flickr_jules stonesoup.jpg
Foto: Zhug o Skhug salsa piccante iraniana_Wikipedia Commons_DonIncognito.jpg

La salsa di cranberries e tutto quello che (forse) non sapete sui mirtilli rossi

La salsa di cranberries e tutto quello che (forse) non sapete sui mirtilli rossi

Se in questo periodo riuscite a trovare dei mirtilli rossi freschi, non lasciateveli sfuggire! Usateli per preparare una salsa dolce e acidula insieme con cui accompagnare piatti di carne o farcire i dolci natalizi

I cranberries, anche noti come mirtilli rossi, sono delle bacche dal gusto dolce e leggermente aspro che fanno molto bene.
Hanno, infatti, proprietà antiossidanti e antibatteriche e il loro succo previene e combatte le infezioni delle vie urinarie (sono un rimedio naturale molto efficace in caso di cistite) e delle gengive.

Dove trovarli?

Gli Stati Uniti e il Canada sono i maggiori produttori di questi frutti. In Italia non è sempre facile reperirli, ma tra l’autunno e l’inverno provate a cercarli nei negozi di frutta molto forniti perché è la loro stagione e vengono impiegati nella preparazione di molti piatti delle feste. I cranberries sono un ingrediente che non può mancare, ad esempio, nel giorno del Ringraziamento insieme al tradizionale tacchino ripieno.

Come scegliere i mirtilli rossi

Quelli buoni si riconoscono prima di tutto dal colore. Devono essere infatti di un bel rosso brillante tendente al borgogna.
Poi devo essere sodi, lucidi e compatti e non devono presentare ammaccature o macchie.
Se sono troppo scuri forse hanno raggiunto già un eccessivo livello di maturazione.

Salsa di cranberries: la ricetta

Se avete la fortuna di trovare i frutti freschi non perdete l’occasione di preparare questa salsa deliziosa, dolce e dal retrogusto acidulo che si sposa perfettamente con la selvaggina e alcune carni bianche come il tacchino, ma anche con i dolci.
Lavate 350 g di mirtilli rossi e in una casseruola sciogliete 210 g di zucchero con 240 ml di acqua e portate a ebollizione.
Aggiungete i mirtilli e cuocete a fuoco medio per 5-6 minuti.
Aggiungete la buccia grattugiata di un’arancia e il succo e mescolate bene eliminando la schiumetta che si crea in superficie.
Lasciate raffreddare e servite a temperatura ambiente.

salsa-di-cranberries-mirtilli-rossi

Salsa aromatizzata

Potete cuocere la frutta con il succo di arancia o anche con un po’ di vino porto e delle spezie come l’anice stellato.
Per rendere il gusto più dolce aggiungete un cucchiaino di miele di corbezzolo o di acacia.

Salsa di mele

Un’altra salsa a base di frutta che potete servire insieme a quella di cranberries per accompagnare della carne è quella di mele.
Si prepara cuocendo in forno due mele sbucciate e tagliate a pezzetti e mescolate con zucchero di canna, un paio di cucchiai di sidro, una tazzina di succo di limone, cannella e noce moscata.
Una volta pronto, con una forchetta si schiacciano le mele e si riducono in crema.

Qualche idea per Natale

Preparate la salsa e confezionatela in barattoli di vetro, poi sterilizzateli e regalateli ai vostri amici insieme a un fogliettino che riporti tutti gli ingredienti utilizzati e i vari accompagnamenti possibili.
Con la salsa di cranberries potete anche farcire un panettone o un pandoro. Infine, con le bacche fresche potete decorare tanti piatti e rendere scenografici e festosi i cocktail delle feste.

Volete saperne di più sui cranberries e scoprire qual è loro utilizzo in cucina? Sfogliate la gallery!

Proudly powered by WordPress