Tag: ricette primi

Crostata di marmellata di fichi fatta da noi. La ricetta

Crostata di marmellata di fichi fatta da noi. La ricetta

Nel Fermano, in un posto fuori dal tempo, abbiamo fatto questa crostata meravigliosa. Ecco come prepararla in casa vostra

Questa crostata è nata per gioco, perché ho trascorso qualche giorno Al Poggio dei 4 Borghi, uno splendido B&B sulle colline del Fermano: un luogo unico, immerso nella natura dove si gode un’atmosfera incontaminata e incantata, e un’incomparabile vista sulle colline, sui 4 borghi medievali e sui monti Sibillini.

La proprietà è circondata da alberi di ulivo, mele e fichi e insieme ai proprietari – due ragazzi giovani, simpatici e amanti della buona cucina e del buon bere – abbiamo pensato di raccogliere e preparare la marmellata di fichi bianchi (senza zucchero!) e di utilizzarla per i dolci della prima colazione.

Quella che segue è una versione di una delle nostre torte, buonissima!

Crostata di marmellata di fichi.
Crostata di marmellata di fichi.

Crostata di marmellata di fichi: ricetta

Ingredienti

400 g farina farro o integrale o normale o saraceno
200 g burro a pezzetti freddo
20 g zucchero grezzo
2 tuorli
Scorza di 1 limone non trattato
Un pizzico di sale

Un vasetto di marmellata di fichi bianchi da circa 300 g (meglio se non zuccherata).

Procedimento

Lavorare tutti gli ingredienti, tranne l’uovo, senza toccarli con le mani: per esempio con coltelli da portata non affilati.
Aggiungere l’uovo e impastare velocemente, senza far scaldare l’amalgama.
Fare una palla e lasciar riposare in frigo per 1 ora. Tirare fuori dal frigo e stendere la pasta col matterello su un foglio di carta da forno bagnato e strizzato, lasciandone un terzo per la decorazione.

Spostare la crostata in una teglia del diametro di circa 24 cm e riempire con la confettura di fichi (o altra a piacere) e stendere l’impasto avanzato ritagliando delle strisce per decorare la crostata.
Infornare, in forno già caldo, e cuocere per circa 35/40 minuti a 180 gradi.

Potete servirla con gelato alla panna o crema e accompagnarla con un vino dolce come un moscato o un Ramandolo friulano DOCG, un vino di decisa struttura, dotato di una notevole complessità olfattiva con note di albicocche secche, miele e nocciole, con una dolcezza risulta piacevolmente bilanciata dalla freschezza della sua acidità.

Se avanza della pasta, stendetela sul un foglio di carta forno e riponetela in frigo per qualche minuto, quindi tiratela fuori e coppate dei biscottini su cui potrete anche mettere delle scaglie di mandorla o pinoli. 10 Minuti in forno e sono pronti da servire con il caffè.

Crostata di marmellata di fichi.
Crostata di marmellata di fichi.

» Sfincione bagherese – Ricetta Sfincione bagherese di Misya

Misya.info

Setacciate le farine, unite il lievito e mescolate, aggiungete l’acqua e iniziate ad impastare.

Unite anche sale e olio e continuate a lavorare fino ad ottenere un panetto liscio e omogeneo, quindi coprite la ciotola con pellicola trasparente e lasciate lievitare per circa 2 ore (o fino al raddoppio).

Nel frattempo preparate il condimento: pelate le cipolle, tagliatele a fettine sottili, mettetele in padella antiaderente con olio e sale e cuocete a fiamma bassa finché non saranno morbide e dorate.
Lasciate intiepidire o meglio ancora raffreddare.

Quando l’impasto sarà pronto, agonfiatelo con le mani e stendetelo nella teglia unta con un po’ di olio.
Condite con il formaggio a fettine sottili, quindi aggiungete le acciughe a pezzetti, le cipolle, la mollica di pane e il formaggio grattugiato.
Condite con pepe e olio e cuocete per circa 30 minuti a 220°C in forno statico già caldo.

Lo sfincione bagherese è pronto: lasciatelo almeno intiepidire prima di servirlo.

10 ricette per non buttare il formaggio

10 ricette per non buttare il formaggio

Crocchette, croissant, soufflé, pasticci: il formaggio si può riciclare in tantissimi modi. Ecco tante idee per tutti i gusti, dal gruviera alla fontina, dal caprino al taleggio

Il formaggio o lo si ama o lo si odia. Nel primo caso vuol dire che non manca mai nel carrello della spesa e che in frigo ce n’è sempre in abbondanza. E di tutti i tipi: a pasta molle, a pasta dura, fresco, stagionato. Un bel pezzo di formaggio è sempre l’ideale per concludere una cena e non farsi mancare proprio niente. Ma se questa volta abbiamo esagerato nelle quantità acquistate e rischiamo di non consumarlo prima che diventi cattivo? La prima idea che ci può venire in mente per non buttarlo è di fare, per esempio, una pasta ai 4 formaggi o uno sformato di riso con il formaggio o ancora una fonduta.

Idee con il formaggio

E se invece vi aiutassimo con la fantasia e vi dicessimo che con il formaggio avanzato si potrebbero cucinare anche pizze, focacce, sandwich, croissant, crocchette, crostoni, torte salate, fagottini, pasticci e ancora soufflé? Ecco qui 10 ricette tratte dal nostro archivio: ce ne sono per ogni tipo di formaggio, gruviera, emmentaler, fontina, asiago, caprino, provola, stracchino, taleggio… e chi più ne ha più ne metta!

ricette formaggio5

Proudly powered by WordPress