Tag: ricetta per biscotti

tante idee per un primo che scalda l’inverno

tante idee per un primo che scalda l'inverno

Avete presente quei piatti che fanno tanto casa e riscaldano l’atmosfera nelle serate più fredde? Ecco le idee che comprendono fagioli, lenticchie e ceci

Durante la stagione fredda, non c’è niente che scalda di più pancia e cuore di un bel piatto di minestra fumante a base, ad esempio, di pasta e legumi. Un piatto completo che è un piacere preparare, mettendo a sobbollire ceci, lenticchie, fagioli e chi più ne ha, più ne metta, per poi servirli con un filo d’olio e qualche spezia, e che è anche un piacere degustare, una volta tornati a casa da lavoro, prima di rilassarsi sul divano con la famiglia.

Se volete qualche ricetta per scaldare le vostre serate invernali, vi diamo qualche idea qui sotto, tra piatti classici e ricette invece un po’ più particolari, da provare.

Nella gallery, invece, qualche curiosità sulle minestre a base di legumi.

Pasta e… fagioli

Partiamo dal piatto principe della categoria: la pasta e fagioli. Procuratevi 200 gr di fagioli borlotti, 150 gr di pasta corta, della cotenna di maiale, cipolla, carota e sedano per il soffritto, sale e pepe qb. Per prima cosa, vanno ammollati i fagioli per almeno 12 ore. Poi, copriteli con acqua fredda in un pentolone, cui aggiungerete la cotenna, la cipolla, il sedano e la carota. Fate bollire l’acqua, poi lasciate cuocere per quasi un’ora. Togliete un mestolo di borlotti e frullateli, poi riuniteli ai restanti fagioli e aggiungete la pasta. Fate cuocere per il tempo necessario, indicato sulla confezione. Servite, aggiustando di sale e pepe, condendo con olio evo a crudo.

Variazione sul tema: pasta, fagioli e crostacei

Volete dare un tocco di gusto alla vostra pasta e fagioli? Aggiungete dei crostacei, dal sapore dolciastro, che ben si accompagna a quello vellutato dei legumi. Vi occorrono 800 gr di scampi, 400 gr di gamberi, 250 gr di fagioli secchi, 180 gr di pasta corta (quadrucci), 100 gr di sedano, 100 gr di cipolla, 100 gr di carote, alloro, timo, aglio, sale, pepe, olio evo e pepe nero in grani. Per prima cosa, va preparato il brodo: in 2 lt d’acqua, mettete a bollire le teste di gamberi e scampi, sedano, carote e cipolle a pezzetti (tutti 30 gr), una foglia d’alloro, un rametto di timo e un po’ di sale. Lasciate sul fuoco per 40 minuti. Nel mentre, preparate un soffritto con il restante sedano, cipolla e carote, cui unire un po’ di brodo, tre parti dei fagioli lessati, un altro rametto di timo. Fate bollire per un quarto d’ora, poi unite la quarta parte dei fagioli lessati, frullati nel passaverdura, per rendere più denso il preparato. Questo è il momento di aggiungere i quadrucci, le code di scampi e gamberi sgusciate e tagliate a rondelle. Fate cuocere per altri 5 minuti, poi insaporite con sale, pepe e aglio (se lo gradite). Servite in tavola fumante.

Pasta e… ceci

La ricetta per la pasta e ceci che vi proponiamo è la versione romana tradizionale: fate soffriggere aglio e rosmarino, aggiungete i ceci con dell’acqua di cottura, fino a coprirli del tutto. Fate bollire l’acqua e infine aggiungete i ditalini. Cuocete per il tempo necessario e servite con olio evo e un pizzico di peperoncino, se piace.

Variazione sul tema: pasta, ceci e broccoli

In autunno l’abbinamento legumi – crucifere è un vero toccasana per la salute, come in questa minestra. Vi occorrono 300 grammi di mini pipe rigate, 150 gr di pomodori ramati, 1 lt d’acqua, 400 gr di ceci precotti, 400 gr di broccoli, 70 gr di cipollotto, 1 foglia d’alloro, sale, pepe, olio evo qb. Per prima cosa, tagliate a rondelle il cipollotto, a dadini il pomodoro e pulite le cimette dei broccoli. In una pentola, mettete a soffriggere il cipollotto, cui unirete poi il pomodoro, la foglia d’alloro, le cimette dei broccoli e metà dei ceci precotti. Fate cuocere per circa 10 minuti, salando e aggiungendo l’acqua, ma conservandone 100 gr per le preparazioni successive. Nel mentre, frullate i ceci e l’acqua rimasti con un frullatore a immersione, di modo da ottenere una purea, da aggiungere alla minestra dopo che sono trascorsi i 10 minuti di cottura. Fate cuocere per altri 8 minuti circa, rimuovete l’alloro e servite calda.

Zuppa di ceci e zucca

Cosa c’è di meglio durante la stagione fredda di un bel piatto fumante di zuppa di ceci e zucca? Ecco come realizzarla. Procuratevi 450 gr di zucca delica, 400 gr di ceci precotti, 100 gr di biete, 100 gr di cipolla dorata, 3 bacche di ginepro, 2 foglie d’alloro, 1,5 lt d’acqua, sale, pepe e olio evo qb. Tagliate la cipolla a rondelle fini, la polpa di zucca a tocchetti, e le biete a striscioline sottili. Fate rosolare la cipolla con le bacche di ginepro, aggiungete la zucca e fatela cuocere con poca acqua del litro e mezzo a disposizione. Dopo qualche minuto, unite le biete, i ceci precotti, sale e pepe e il resto dell’acqua. Aggiungete le foglie d’alloro, fate cuocere per un quarto d’ora con il coperchio e poi per un altro quarto d’ora senza coperchio. Rimuovete le bacche di ginepro e le foglie d’alloro, spolverizzate con del pepe nero e servite fumante.

Pasta e… lenticchie

Le lenticchie non sono buone solo con il cotechino, ma anche in questo primo piatto. Fate soffriggere la cipolla, poi unite le lenticchie decorticate. Copritele con abbondante acqua e fatele cuocere per circa un quarto d’ora. Unite la pasta e lessatela per il tempo necessario. Il piatto sarebbe pronto, ma se volete dare una nota di gusto deciso, aggiungete sul finire della cottura, della verza tagliata a julienne. Servite caldo.

Variazione sul tema: pisarei e lenticchie

In questa ricetta, vanno aggiunti i pisarei, dei piccoli gnocchetti a base di farina e pane grattugiato. Vi occorrono: 75 gr di farina, 30 gr di vino bianco, 25 gr di pane grattugiato, 25 gr di lenticchie, 20 gr di cipolla tritata, timo, sale e olio evo qb. Cominciate con il fare rosolare la cipolla in un po’ d’olio, poi aggiungete le lenticchie e sfumate con il vino. Dopo qualche minuto, coprite con abbondante acqua e cuocete per più di mezz’ora. Nel mentre, preparate un composto a base di farina e pane grattugiato, da addensare con 50 gr d’acqua. Ricavatene dei rotolini, da cui ritagliare dei piccoli gnocchetti, i famosi pisarei. Lessateli, e proprio come gli gnocchi, quando vengono a galla, significa che sono pronti da scolare. Frullate una parte delle lenticchie cotte, unitele a quelle rimaste in padella, insieme ai pisarei, al timo e condite con un filo d’olio. Servite fumante.

» Razzi di pasta sfoglia e wurstel

Misya.info

Innanzitutto tagliate la pasta sfoglia in striscioline sottili (1-2 cm).

Arrotolate le striscioline intorno ai wurstel, unendo 2 striscette di sfoglia se necessario, quindi infilzate i wurstel con degli spiedini, arrivando fino a metà.
Posizionate i wurstel sulla teglia rivestita di carta forno, spennellateli con il latte e spolverizzate con il parmigiano, quindi cuocete per 20 minuti circa a 180°C in forno ventilato già caldo.

Una volta cotti, sfornate i wurstel.
Lavate il peperone e pulitelo, quindi ricavatene 12 triangolini e infilzateli con uno stuzzicadenti e poi infilzate l’altro lato dello stuzzicadenti in cima ai wurstel, come vedete in foto.

I razzi di pasta sfoglia e wurstel sono pronti.

» Crema allo spumante – Ricetta Crema allo spumante di Misya

Misya.info

Innanzitutto incidete la bacca di vaniglia per tutta la lunghezza e raschiate via i semini con la lama di un coltello.

Mettete latte, spumante e vaniglia in un pentolino e portate a bollore.

Nel frattempo montate i tuorli con lo zucchero, quindi aggiungete prima la fecola e poi il composto di latte filtrato.

Rimettete nel pentolino e iniziate la cottura, girando di continuo per non far attaccare o creare grumi.
Fate cuocere finché la crema non si rassoda.

La crema allo spumante è pronta, non vi resta che versarla nelle coppette monodose e farla raffreddare.

Proudly powered by WordPress