Tag: primi piatti semplici

il significato e come sceglierli

il significato e come sceglierli

Scoprite quali sono i fiori per la festa della mamma e cosa significano per farle un regalo pensato e dirle quanto le volete bene senza parlare

I fiori per la festa della mamma sono il dono perfetto per dirle quanto le vogliamo bene. Possiamo metterli nel piatto, come suggerito nelle ricette della gallery qui sopra, o raccoglierli in un bellissimo bouquet. Se poi si sfrutta anche il linguaggio segreto dei fiori, componendo il mazzo in base al loro significato, diventa un dono elegante e ricercato. Se volete fare un regalo speciale, ecco quali sono i fiori per la festa della mamma, per dirle tutto ciò che apprezzate di lei.

Potentilla

Tra i fiori per la festa della mamma la potentilla è il fiore per eccellenza, simbolo dell’amore materno, oltre che di forza. Quando piove, la potentilla chiude le foglie per proteggere i suoi fiori, proprio come fanno le mamme con i loro piccoli.

Rose, ma quali?

Quando si compone il bouquet per la mamma, non si dovrebbe mai prescindere dal gusto personale. Le rose sono il fiore preferito di molte donne. Spesso associate più all’amore passionale, nella loro sfumatura rosa sono adatte anche alle mamme, visto che simboleggiano affetto, gratitudine e ammirazione.

Azalea

L’azalea – che spesso viene venduta per raccogliere fondi per cause benefiche – rappresenta la femminilità e l’amore più profondo.

Malva

Il fiore di malva è forse più noto per i suoi usi terapeutici ed erboristici, ma è ottimo anche tra i fiori per la festa della mamma. Sin dal medioevo, infatti, indica la comprensione e la calma materna, ma anche la dolcezza.

Sambuco

Il sambuco è il fiore perfetto per le mamme del futuro, essendo il simbolo delle donne in attesa. È l’ideale per fare un dolce pensiero alle mamme che stanno aspettando di stingere il loro piccolo tra le braccia.

Lilà

Il significato dei fiori di lilà è “amore incondizionato”, proprio come quello tra mamma e figli. Che sia una pianta intera, oppure solo fiori recisi, è un bellissimo messaggio da dare a chi ci ama tutti i giorni.

Iris

Se in passato avete dato qualche preoccupazione di troppo in famiglia, tra i fiori per la festa della mamma l’iris è la scelta migliore. Simbolo di amore e, allo stesso tempo, di dolore è solitamente associato alla Vergine Maria, madre per eccellenza e maestra della sofferenza materna nel mondo cristiano.

Garofano

Anche il significato del garofano ha origine nelle Sacre Scritture. Simboli di amore eterno, si narra che garofani siano cresciuti dove la Vergine Maria versò le lacrime per la morte del figlio. Tra i fiori per la festa della mamma, questi sono quelli per ricordarle che le vorrete bene per sempre.

L’artemisia per dire grazie

La mamma non viene ringraziata mai a sufficienza. Nel linguaggio dei fiori l’artemisia significa questo, rappresenta l’apprezzamento per l’aiuto e ciò che ci viene donato ogni giorno.

Fiori per la festa della mamma: mai abbastanza

Per comporre uno splendido mazzo di fiori si possono scegliere anche le camelie, che indicano raffinatezza e perfezione; le dalie, che simboleggiano riconoscenza e buon gusto, oltre alla femminilità elegante e matura e all’ammirazione; le viole del pensiero, perché la mamma è sempre nei nostri pensieri e infine le orchidee, che trasmettono eleganza e charme.

Sfoglia la nostra photo gallery qui sopra: troverai ricette floreali ideali per celebrare la mamma anche a tavola!

Ricetta Trottole con le primizie

Ricetta Trottole con le primizie
  • 360 g pasta tipo trottole o fusilli
  • 180 g borragine
  • 120 g piselli sgranati
  • 50 g asparagi
  • 40 g formaggio feta
  • 15 g pinoli
  • un cipollotto viola
  • un peperoncino fresco
  • aglio
  • finocchietto
  • melissa
  • limone
  • pepe
  • sale
  • olio extravergine di oliva

Per la ricetta delle trottole con le primizie, tritate grossolanamente i pinoli. Mondate il cipollotto e tagliatelo a losanghe. Affettate il peperoncino e lavatelo per eliminare i semi.Pulite gli asparagi e tagliateli a rondelle, dividendo le punte in 2 parti.Scottate i piselli in acqua bollente salata per 1 minuto.
Cuocete la pasta in acqua bollente salata, seguendo i tempi di cottura riportati sulla confezione, quindi scolatela. Pulite la borragine e saltate le foglie in una padella capiente con gli asparagi, il cipollotto, i piselli, il peperoncino, i pinoli, uno spicchio di aglio schiacciato con la buccia, un filo di olio e pepe per 1-2 minuti.
Eliminate l’aglio, aggiungete la pasta, mescolate e fate insaporire sulla fiamma per 1 minuto, quindi togliete dal fuoco, unite la feta tagliata a cubetti, una grattugiata di scorza di limone, qualche ciuffetto di finocchietto e qualche foglia di melissa, regolate di sale e portate in tavola.

Ricetta Alici «scattiate» – La Cucina Italiana

Ricetta Alici «scattiate» - La Cucina Italiana

Le alici «scattiate» sono un piatto tipico calabrese, e più precisamente di Rossano, una città in provincia di Cosenza, scopriamo insieme questa gustosissima ricetta

  • 1 Kg alici
  • 200 g olio extravergine di oliva
  • 50 g aceto
  • 1 foglia di alloro
  • 1 spicchio di agli
  • sale
  • pepe rosso (peperoncino dolce in polvere)
  • origano secco

Per la ricetta delle alici «scattiate» iniziate pulendo le alici: staccate la testa, apritele a libro ed evisceratele. Lavatele sotto l’acqua corrente e asciugatele un poco con carta da cucina.
Raccogliete l’olio in una casseruola con lo spicchio di aglio. Non appena inizierà a soffriggere, aggiungete le alici e lasciatele dorare bene da entrambi i lati.
Aggiungete la foglia di alloro, una spolverata di origano e una generosa presa di pepe rosso, cioè quello che serve affinché le alici diventino di un bel colore.
Alzate la fiamma e bagnate con l’aceto. Dopo un paio di minuti spegnete la fiamma, aggiustate di sale, se serve, e servite subito, ben caldo.
Da sapere: il cosiddetto pepe rosso è una spezia tipica della Calabria usata per arricchire moltissimi piatti di questa regione. Si ricava da un peperoncino rosso dolce che, dopo essere stato essiccato (tradizionalmente al sole, appeso in lunghe trecce), viene macinato fino a ottenere una polvere sottilissima.

Proudly powered by WordPress