Tag: Misya

» Pasta alla zozzona – Ricetta Pasta alla zozzona di Misya

Misya.info

La pasta alla zozzona è una ricetta della cucina laziale e che riprende alcuni elementi di carbonara e amatriciana evolvendosi in una ricetta completamente nuova. Quindi guanciale, tuorli, pecorino e pomodorini, ma anche salsiccia, si combinano e si miscelano in un abbinamento insolito e decisamente non leggero ma sicuramente ricco di sapore. Il nome stesso, pasta alla zozzona, vuole indicare un piatto fusion e con un profluvio di sapori, simbolo di abbondanza e ricchezza di gusto.
Insomma, io non lo avevo mai mangiato, ma devo dire che ne è decisamente valsa la pena! Non vi dico mio marito, e i miei amici che hanno assaggiato il piatto… ovazioni a morire ahhauhauh ;P

  • Tempo di preparazione preparazione: 20 min
  • Tempo di cottura cottura: 30 min
  • Tempo totale totale: 50 min
Pasta alla zozzona
Pasta alla zozzona

Procedimento

Come fare la pasta alla zozzona

Innanzitutto private la salsiccia del budello, sbriciolatela e fatela cuocere in una padella con un po’ di olio.

Tagliate il guanciale a striscioline e aggiungetelo alla salsiccia e fatelo dorare e sciogliere per almeno 10-15 minuti, quindi unite anche i pomodorini e cuocete per un’altra decina di minuti, a fuoco medio basso, mescolando di tanto in tanto.

Nel frattempo lavorate i tuorli con il pecorino e cuocete la pasta.

Scolate la pasta ben al dente conservando un po’ di acqua di cottura.
Aggiungete la pasta al condimento, unite anche la crema di tuorli e un po’ di acqua di cottura per aiutarvi ad amalgamare meglio.
Aggiustate di sale e, se volete, anche di pepe.

La pasta alla zozzona è pronta, non vi resta che impiattarla e servirla subito!

Ricette correlate

Ricette simili a Pasta alla zozzona

I vostri commenti

Lascia il tuo commento su Pasta alla zozzona

» Sfogliatine alla nutella – Ricetta Sfogliatine alla nutella di Misya

Misya.info

Stendete la sfoglia e ricavatene 6 rettangoli uguali.

Mettete un po’ di nutella al centro di ognuno dei rettangoli ricavati, quindi chiudete a libro e sigillate bene i bordi.
Trasferite le sfogliatine, con tutta la carta forno, sulla teglia teglia, quindi effettuate 3 tagli obliqui sulla superficie delle strato superiore di ogni sfogliatina, spennellate con il latte e decorate con lo zucchero.
Cuocete quindi per circa 15 minuti o fino a doratura a 200°C in forno ventilato già caldo.

Le sfogliatine alla nutella sono pronte, fatele almeno intiepidire leggermente prima di servirle.

» Crostata al melograno – Ricetta Crostata al melograno di Misya

Misya.info

Innanzitutto preparate la frolla unendo prima le farine e il burro e poi anche zucchero, vaniglia, tuorli e sale.

Lavorate velocemente, coprite con pellicola e fate riposare per 1 ora in frigo.

Nel frattempo iniziate a preparare la crema al melograno: aprite i melograno a metà e passateli su uno spremiagrumi come se fossero arance, ricavandone il succo.
Una volta ottenuti 300 gr di succo (ci vorranno almeno 2 melograni), filtratelo.

Passate quindi alla preparazione vera e propria della crema: mettete in un pentolino zucchero e amido, incorporate piano acqua e succo e cuocete a fuoco lento finché non si sarà addensato per bene, quindi lasciate raffreddare completamente.

Una volta finito il riposo, riprendete la frolla, stendetela su un piano di lavoro leggermente infarinato e rivestiteci fondo e bordi di uno stampo per crostate imburrato.
Bucherellate il fondo, quindi cuocete per circa 15-20 minuti a 180°C in forno ventilato già caldo.
Trasferite in una ciotola ampia, coprite con pellicola trasparente a contatto e lasciate raffreddare completamente.

Quando sia la base della crostata che la crema saranno completamente fredde iniziate ad assemblare: innanzitutto montate la panna, ben fredda di frigo, e unitela alla crema di melograno, mescolando delicatamente con movimenti dal basso verso l’alto.

A questo punto versate la crema sulla frolla e livellate bene la superficie.

Decorate la crostata al melograno con i chicchi messi da parte, quindi fate riposare per almeno 1 ora in frigo prima di servire.

Proudly powered by WordPress