Tag: migliori ricette italiane

Zenzero fresco: come utilizzarlo – La Cucina Italiana

Zenzero fresco: come utilizzarlo - La Cucina Italiana

Una radice profumatissima e dal gusto piccante. Avete mai provato lo zenzero? Ecco come usare lo zenzero fresco in cucina

Tante volte avrete sentito parlare dei benefici dello zenzero e della sua versatilità in cucina.
Aggiunto in molte pietanze è il tocco di classe in più, una nota piccante che rende ogni piatto originale e profumato. Sta bene nelle ricette dal sapore etnico, ma può trasformare in un piatto gourmet anche un semplice petto di pollo alla piastra.

Cos’è lo zenzero

È una pianta perenne della famiglia delle Zingiberaceae originaria dei Paesi dell’Estremo Oriente, ma oggi coltivata in molti Paesi tropicali. Può superare anche il metro d’altezza e i suoi fiori ricordano le orchidee. Ma dello zenzero si utilizza il fusto sotterraneo dalla forma irregolare e di colore marrone chiaro. Questa parte della pianta è utile in cucina per dare un sapore unico a tante nostre ricette ed è entrata nella tradizione culinaria europea fin dal Medioevo.

Come scegliere una radice

La radice di zenzero fresca ha una buccia lucida e una consistenza morbida al tatto.
Non deve presentare ammaccature, macchie scure e parti eccessivamente secche.
Va sempre eliminata con un coltellino sottile sia quando si grattugia lo zenzero, sia quando si utilizza a fette.

Come conservare lo zenzero

La radice intera si conserva in frigorifero per tre settimane all’interno di un sacchetto. Se la radice è stata sbucciata e tagliata a pezzi può essere congelata anche in freezer all’interno di una bustina per surgelati. Lo zenzero grattugiato, invece, non può essere conservato per più di tre giorni in frigorifero e per più di un mese in freezer.

Anna in Casa: ricette e non solo: Torciglioni allo yogurt

Anna in Casa: ricette e non solo: Torciglioni allo yogurt

Si possono avere 1200 fotografie salvate sul cellulare e non ricordare di averle scattate? 

Mi sono accorta di avere così tanti scatti di ricette fatte che dovrò mettermi d’impegno e abbinare ad ognuno la sua ricetta. Il problema è che ogni volta che devo mettermi al pc, caricare le fotografie e scrivere il post, c’è sempre qualcosa che ha la priorità e trovo una scusa (perchè di scusa si tratta) per rimandare.

Questi panini sono una idea di Carmen di ricettecongusto, che ringrazio per la ricetta.

Ingredienti

400 g di farina 00

100 g di farina 0

125 g di yogurt bianco

25 g di burro fuso

190 ml di latte tiepido

15 g di lievito di birra

10 g di zucchero

7 g di sale

Preparazione

Sciogliere nel latte tiepido il lievito e lo zucchero.

In una ciotola o nella ciotola della planetaria, unire le due farine e il sale.

Aggiungere il burro e lo yogurt.

Versare nella ciotola anche il lievito sciolto e impastare fino ad ottenere un composto omogeneo.

Trasferire il composto sulla spianatoia, formare un panetto e riporlo in una ciotola, coprirlo e farlo lievitare fino al raddoppio (io nel forno con la luce accesa).

A lievitazione avvenuta, riprendere l’impasto e suddividerlo a spicchi più o meno dello stesso peso.

Da ogni spicchio ricavare un filoncino. Piegare il filoncino a metà e formare un torciglione. 

Adagiare i torciglioni su una  teglia foderata con carta forno, avendo cura di distanziarli.

Coprire i panini con un canovaccio e farli lievitare fino al raddoppio.

Nel frattempo scaldare il forno fino a 200°C.

A lievitazione raggiunta, spennellare i torciglioni con un po’ di latteinfornarli e cuocerli per 15-20 minuti, controllando che non si dorino troppo in superficie.

Una volta cotti, porre i panini su una gratella a raffreddare,

Ricetta Cotolette di funghi porcini

Ricetta Cotolette di funghi porcini
  • 200 g porcini
  • 40 g pane a cassetta
  • 20 g nocciole
  • 20 g nachos
  • 5 pz rametti di maggiorana
  • 1 pz rametto di rosmarino
  • 1 pz uovo
  • farina
  • olio di arachide
  • paprica
  • sale

Per la ricetta delle cotolette di funghi porcini, tagliate il pane a cassetta a quadrotti e frullatelo finemente nel mixer. Frullate separatamente le nocciole e i nachos e mescolateli con il pane a cassetta. Tritate le foglioline di maggiorana e di rosmarino e mescolatele alla panatura aggiungendo 1 cucchiaino di paprica.
Mondate i porcini: con un pelapatate pulite i gambi dallo strato di terra superficiale; con una spugna o un panno umido passate delicatamente le cappelle. Tagliateli a metà per il lungo, infarinateli, passateli nell’uovo sbattuto, impanateli e friggeteli in abbondante olio bollente (170 °C) per 2-3 minuti. Scolateli su carta da cucina, salateli leggermente e serviteli subito.

Proudly powered by WordPress