Tag: feta

» Feta al forno – Ricetta Feta al forno di Misya

Misya.info

Lavate gli ortaggi, mondateli e tagliateli a pezzetti.

Mettete la feta, in un unico pezzo intero, in una terrina adatta alla cottura in forno.
Distribuite gli ortaggi sopra al formaggio, coprendolo, quindi condite con sale, pepe, olio e origano.
Mettete quindi in forno ventilato già caldo e cuocete per circa 20 minuti a 180°C.

La feta al forno è pronta, servitela subito.

» Melanzane alla feta – Ricetta Melanzane alla feta di Misya

Misya.info

Scolate la feta e tagliatela a dadini.

Preparate la marinata unendo le erbe aromatiche tritate, sale, olio e 3/4 della feta.
Mescolate e lasciate insaporire.

Nel frattempo mondate le melanzane e tagliatele a fette dello spessore di mezzo centimetro circa, quindi grigliatele su una bistecchiera ben calda.

Man mano che sono pronte, disponete le melanzane su un piatto da portata.
Ricoprite con la feta marinata, quindi unite anche quella restante, sbriciolandola.

Servite subito le vostre melanzane alla feta.

» Salatini alla feta – Ricetta Salatini alla feta di Misya

Misya.info

Innanzitutto mettete in una ciotola ampia le 2 farine, pochissimo sale, pepe e noce moscata.
Aggiungete il burro a pezzetti e il latte, entrambi ben freddi di frigo, e iniziate a lavorare.
Infine unite anche la feta sbriciolata.

Impastate senza amalgamare benissimo (i pezzetti di feta dovranno risultare ancora riconoscibili nell’impasto).
Formate un cilindro di circa 5 cm di diametro, avvolgetelo strettamente con pellicola per alimenti e fate riposare in frigo per almeno 2 ore.

Passate le 2 ore, riprendete il cilindro e tagliatelo a fette, disponendole man mano su una teglia rivestita di carta forno.
Cuocete in forno ventilato, preriscaldato a 165°C, per circa 25 minuti. Durante gli ultimi minuti di cottura controllate i vostri biscottini salati: quando i bordi risulteranno dorati ma i salatini saranno ancora morbidi, sono pronti (si solidificheranno raffreddandosi).

Lasciate raffreddare completamente i salatini alla feta, quindi serviteli.

Proudly powered by WordPress