Tag: crema

Il caffè del nonno, ovvero la crema fredda al caffè

Il caffè del nonno, ovvero la crema fredda al caffè

Il caffè d’estate si fa freddo. Anzi no: si fa dessert! Ecco la ricetta, e le diverse varianti, per fare in casa il caffè del nonno

Estate e spossatezza vanno a braccetto. E così, oltre a prendere integratori di vario genere, spesso si bevono più tazzine di caffè. Ma il caffè è bollente e quindi, non di rado, si scelgono alternative fredde. Ce ne sono tante. La più semplice è il caffè freddo. E poi c’è questa: la crema fredda al caffè conosciuta anche come caffè del nonno.

Così capita che, nella stagione calda, lo si prende spesso al bar al posto del solito caffè. Ma la crema fredda al caffè è facile da preparare anche in casa. Se si hanno amici a cena, servirla a fine pasto susciterà stupore e gioia. Sì, perché il caffè del nonno è qualcosa di più di un semplice caffè freddo. È un dessert.

Caffe del nonno @Instagram (https://www.instagram.com/p/BVRG-a9FTBJ/).
Caffe del nonno @Instagram (https://www.instagram.com/p/BVRG-a9FTBJ/).

La ricetta del caffè del nonno

Difficoltà: facile
Tempo di preparazione: 20 minuti più 1 ora di riposo in freezer

Ingredienti per 6 persone

70 ml di caffè
4 cucchiaini di zucchero
300 ml di panna per dolci

Procedimento

Preparare il caffè con la moka o con la macchinetta a cialde. Versarlo in una ciotola e lasciarlo raffreddare (si può mettere in frigorifero per accelerare i tempi). Intanto, in un’altra ciotola, montare la panna dopo aver aggiunto lo zucchero. Quando la panna inizierà a raggiungere la consistenza desiderata versare a filo tutto il caffè continuando a montare ancora per un po’, fino a ottenere una crema liscia e densa. Mettere il composto in freezer per 1 ora. Trascorso questo tempo, prendere la crema al caffè e con una spatola mescolare bene, ma con delicatezza, soprattutto lungo i bordi. Infine prendere 6 bicchierini e con un cucchiaio riempirli di caffè del nonno e servire a tavola, in base alla consistenza, con una cannuccia o un cucchiaino.

Varianti

Si può arricchire la crema aggiungendo altri ingredienti, come per esempio la Nutella o un liquore al caffè. E poi c’è la variante per bambini.

Variante Nutella
Una volta versato il caffè nella ciotola per farlo raffreddare, aggiungere 2 cucchiaini di Nutella e mescolare finché non si sarà sciolta. Poi lasciare raffreddare. Per il resto procedere come descritto sopra.

Variante con liquore al caffè
Si può aggiungere al caffè da mettere a raffreddare in frigorifero 2 cucchiai di liquore al caffè oppure, se si preferisce, di crema al whisky. Per il resto seguire la ricetta.

Variante per bambini (e non solo)
Si è detto che il caffè del nonno è (anche) un dessert, giusto? E allora, come ogni dolce (buono) che si rispetti, non potrà che piacere anche ai bambini. Quindi, fermi restando tutti i passaggi della ricetta base (magari nella variante con Nutella), per farne un golosità per i più piccoli (o per coloro che hanno problemi con la caffeina) basterà utilizzare il caffè decaffeinato. E il gioco è fatto.

Come presentare a tavola il caffè del nonno

È cosa nota che, prima ancora del gusto, è con l’olfatto e la vista che si “assapora” un cibo. E quindi va da sé che presentare bene un piatto è molto importante. Ecco allora qualche suggerimento.
Una volta riempiti i bicchierini di caffè del nonno, decorare con un chicco di caffè la sommità della crema, oppure con un poco di panna montata o un biscottino. Se si preferisce, si può passare una spolverata di cacao amaro. Molto golosa e di grande effetto visivo anche l’idea di stendere un po’ di Nutella sui bordi dei bicchierini. Insomma: basta un pizzico di fantasia per stupire i commensali.

Conservazione

Di solito non ne avanza mai perché gli ospiti chiedono il bis o il tris o.
Esageratamente buona e irresistibile, questa crema fredda al caffè viene spazzolata in men che non si dica! Ma qualora dovesse accadere che ne resti un po’, il consiglio è quello di mettere il caffè del nonno nel congelatore. Oppure in frigorifero, ma in questo caso deve essere consumato al massimo entro 4 giorni.

Caffe del nonno @Instagram (https://www.instagram.com/p/49jGityiGt/).
Caffe del nonno @Instagram (https://www.instagram.com/p/49jGityiGt/).

Anna in Casa: ricette e non solo: Veneziane con crema

Anna in Casa: ricette e non solo: Veneziane con crema

Per concludere la settimana con tanta dolcezza, prova la ricetta passo passo delle mie veneziane con crema.

Che ne dite vi va?

Ingredienti 1° impasto

225 g di farina W 250-260

50 g di uova

30 g di zucchero vanigliato

18 g di lievito di birra

30 g di burro morbido

50 ml di acqua

50 g di latte condensato

Ingredienti 2° impasto

325 g di farina W 250-260

90 g di zucchero semolato

200 g di uova intere

40 g di burro

20 g di miele

9 g di sale

25 ml di acqua

1/2 bacca di vaniglia

10 g di pasta d’arancia o buccia di arancia

Per la crema pasticcera cliccare QUI

Per la finitura

1 uovo sbattuto

granella di zucchero

Due modi di preparare il primo impasto

Il primo impasto (secondo la ricetta di S. De Riso) richiede una lunga lievitazione in frigorifero, quindi consiglio di iniziare la preparazione la sera prima e procedere al secondo impasto il giorno dopo.

Si può anche procedere accorciando i tempi e facendo lievitare il primo impasto fino a raddoppio a temperatura ambiente per poi continuare con la preparazione del secondo impasto ( secondo altri pasticceri).

Io ho preferito procedere con il riposo notturno in frigorifero e poi continuare il giorno dopo con la preparazione del secondo impasto.

Preparazione

Preparare tutti gli ingredienti già pesati.

Sciogliere il lievito di birra nell’acqua.

Nella ciotola della planetaria versare la farina con il latte condensato,

iniziare ad impastare con l’inserto a gancio.

Versare le uova a filo e continuare a lavorare l’impasto.

Quando il composto inizia a compattarsi unire in 2 volte il burro morbido.

Continuare ad impastare fino ad ottenere un composto liscio ed omogeneo.

Trasferire l’impasto sulla spianatoia e lavorarlo ancora qualche minuto 

coprirlo con pellicola trasparente e riporlo in frigorifero fino al mattino dopo.

————————–

Il giorno dopo, togliere l’impasto lievitato dal frigorifero e

lasciarlo a temperatura ambiente 15 minuti.

Nel frattempo preparare gli ingredienti per il secondo impasto.

Trasferire il primo impasto nella ciotola della planetaria, unire la farina,

il miele, le uova a filo e la pasta (o la buccia) d’arancia e

il sale sciolto nell’acqua prevista negli ingredienti.

Quando l’impasto comincia ad essere soda ed elastica, unire il burro in 2-3 tempi.

Trasferire il composto sulla spianatoia leggermente infarinata e formare un panetto

da mettere nuovamente a lievitare, ma questa volta a temperatura 

ambiente fino a raddoppiare il volume ( ci vorranno circa 3 ore).

Nel frattempo preparare la crema pasticcera e metterla a raffreddare.

Una volta pronto l’impasto, dividerlo in pezzi da 60 g l’uno e

formare delle palline da allineare sulla teglia foderata con carta forno

Rimettere a lievitare fino a raddoppio. Versare la crema pasticcera 

in una tasca da pasticcere e preparare l’uovo sbattuto

Spennellare delicatamente con l’uovo,

decorare con una spirale di crema pasticcera e

cospargere con gli zuccherini.

Infornare per 15-20 minuti fino a doratura.

Sfornare e lasciare raffreddare prima di servire.

Ricetta Maritozzi alla crema di mascarpone

Ricetta Maritozzi alla crema di mascarpone

Impara a cucinare online con La Cucina Italiana

Inizia subito a cucinare: prova gratis per 14 giorni, disdici quando vuoi.

  • Accedi a decine di corsi online, senza limiti
  • Segui nuove lezioni ogni settimana
  • Impara da chef professionisti, con spiegazioni pratiche in video e schede step-by-step
  • Divertiti in ogni momento: crea il tuo piano didattico, liberamente da ogni device

Edizione digitale inclusa
Abbonamento rivista annuale
(12 numeri) solo € 26,40

45%sconto

Ogni anno oltre 1.000 nuove ricette provate per voi nella cucina di redazione.
Spunti, idee e suggerimenti per divertirsi ai fornelli e preparare piatti di sicuro successo.
La Cucina Italiana, recentemente rinnovata nella veste grafica, propone anche rubriche
che vanno dalla scuola di cucina all’educazione alimentare dei più piccoli, dal turismo enogastronomico
alle nuove tendenze.

I vantaggi sono tantissimi, inclusa la possibilità di leggere la tua rivista su tablet!

Servizio clienti

Ti vuoi abbonare? Sei abbonato ma la copia non ti è arrivata? Hai cambiato indirizzo?
Per queste e altre domande il Servizio Abbonamenti è a tua disposizione:
E-mail: abbonati@condenast.it
Telefono: 199 133 199* dal lunedi al venerdi dalle 9.00 alle 18.00.
Fax: 199 144 199
Vai al servizio clienti
Vuoi richiedere un arretrato, di un numero in edicola o di uno speciale?
Vai al servizio arretrati

* Il costo della chiamata per i telefoni fissi da tutta Italia è di 11,88 centesimi
di euro al minuto + iva senza scatto alla risposta. Per le chiamate da cellulare
i costi sono legati all’operatore utilizzato.

Proudly powered by WordPress