Tag: Birra

Base focaccia/pizza in padella con lievito di birra

Base focaccia/pizza in padella con lievito di birra

Quando mia mamma passa il fine settimana da noi il suo commento alla mia scelta dei programmi televisivi è sempre lo stesso: “ma tu guardi solo programmi di cucina?” . In realtà non è così, ma dato che lei arriva il venerdì e c’è Bake off e il sabato spesso guardo Food Network la sua conclusione è quella.

Ci accomuna solo la passione per i gialli, le serie televisive riguardanti crimini, investigazioni in generale e quelle riguardanti avvocati e processi. Ultimamente sta guardando su Amazon Prime la serie di The Good Wife, rigorosamente con i sottotitoli. Purtroppo non sempre riesce a stare al passo ma almeno si distrae.

L’altro pomeriggio, mentre mamma era impegnata in un episodio della serie, io mi sono riguardata la puntata registrata di Pane, olio e fantasia dove Enrica Della Martira proponeva le focacce in padella preparate con il lievito di birra. Ovvio che guardavo e impastavo e la sera abbiamo cenato con le focacce di Enrica, la burrata e i salumi.

Ingredienti per 4 focacce grandi

500 g di farina 0

300 ml di acqua a temperatura ambiente

6 g di lievito di birra fresco 

20 ml di olio d’oliva

10 g di sale

q.b. di olio per ungere la ciotola di lievitazione

Procedimento

Sciogliere il lievito nell’acqua in ricetta.

In una ciotola riunire tutta la farina e a poco a poco aggiungere l’acqua mescolata con il lievito, iniziando ad impastare con le mani.

In ultimo unire l’olio e il sale.

Versare il composto sulla spianatoia infarinata e continuare a lavorarlo con le mani fino ad avere un impasto liscio ed omogeneo. Formare una panetto e metterlo in una ciotola leggermente unta con olio d’oliva. Coprire con una cuffia o con pellicola trasparente e mettere a lievitare fino al raddoppio a temperatura ambiente.

A lievitazione avvenuta, capovolgere delicatamente l’impasto lievitato sulla spianatoia. Con le mani allargare l’impasto ad ottenere un rettangolo, da arrotolare su se stesso ad ottenere un rotolo.

Tagliare il rotolo ottenuto in quattro parti. Piegare ogni porzione prendendo i lembi estremi e portandoli verso il centro, formare un panino tondo. Fatti i quattro panini, uno ad uno stenderli con il mattarello sulla spianatoia leggermente infarinata, ad ottenere dei dischi sottili circa 1/2 cm.

Scaldare una padella antiaderente, prendere un disco di pasta, passarlo leggermente con le mani come fosse l’impasto della pizza, per assottigliarlo ancora un pochino.

Appoggiare la pasta nella padella calda e, quando si formano le bolle in superficie, con l’aiuto di una paletta girarlo. Fare attenzione che non si bruci in superficie, abbassare casomai la fiamma.

– Se le basi focaccia/pizza le utilizzate da farcire e infornare, state leggermente indietro con la cottura; caso contrario portatele a fine cottura.

– Una volta pronte, potete utilizzare le basi subito o aspettare che si raffreddino, impilarle separarle con un foglio di carta forno, conservare in un sacchetto per alimenti o avvolte nella pellicola e porle in freezer. Prima di consumarle, lasciarle scongelare a temperatura ambiente per una mezz’ora o poco più.

» Salsicce alla birra – Ricetta Salsicce alla birra di Misya

Misya.info

In una padella antiaderente, fate insaporire l’olio con aglio e rosmarino.
Aggiungete le salsicce e fatele rosolare per bene da entrambi i lati, quindi eliminate gli aromi e unite anche la birra.

Con i rebbi di una forchetta, bucherellate più volte le salsicce, in modo che i succhi possano uscire e le salsicce si insaporiscano meglio.
Abbassate la fiamma e continuate la cottura per 20-30 minuti, girando ogni tanto le salsicce, in modo che cuociano bene.
Se vedete che asciugano troppo velocemente, chiudete con coperchio: alla fine vi dovrà risultare un bel sughetto denso e saporito.

Le salsicce alla birra sono pronte, aggiustate di sale se necessario e servitele subito.

Lievito di birra granulare fatto in casa

Lievito di birra granulare fatto in casa

Quanti di voi, come me, hanno cercato in mille modi  di moltiplicare i panetti di lievito di birra e bustine di lievito granulare? 
E quanti di voi, tornando ad una vita quasi normale (si spera), non avranno più così tanto tempo da dedicare ai lievitati e avranno lievito in scadenza da utilizzare?

Nel mio freezer c’è una scorta di lievito da 400 g e ora nella mia dispensa ne ho una altrettanto ricca, ma in granuli.

La storia è questa. 

Settimana scorsa ho comprato due panetti di lievito fresco da 500 g, uno per me e uno per mia sorella, non pensando al fatto che a lei non sarebbe mai arrivato il suo dato che non possiamo vederci e in più abitiamo in comuni diversi. 

Ora, per quanto io possa panificare, pizzare, danubiare, focacciare, briochare (passatemi i termini), un chilogrammo di lievito è una scorta abbondante persino per me. Inoltre ho sempre il mio Almi (pasta madre) che lavora a pieno ritmo. Unica idea oltre il congelamento era l’essiccazione. Detto fatto e il risultato è top.

Ingredienti

lievito di birra fresco

Su una teglia rivestita di carta casa, sbriciolare il lievito di birra fresco e lasciarlo asciugare muovendolo ogni tanto, per qualche ora.

Trasferire le briciole di lievito su carta forno o carta assorbente per fritto o carta pane. 
Coprire con un canovaccio, meglio se di tessuto leggero, e mettere in un luogo areato (io sul tavolo in giardino non a sole diretto), muovendolo di tanto in tanto, fino a completa asciugatura.

Nel mio caso erano 500 g e ci sono volute una trentina di ore.

Una volta che il lievito è completamente secco, lo si può lasciare a granuli grossi o passare al frullatore.

Per l’utilizzo basterà seguire le stesse istruzioni del lievito granulare in bustina, avendo però l’accortezza di scioglierlo nel liquido previsto in ricetta, per farlo rinvenire.

Per il dosaggio, 7 g corrispondono a un panetto di lievito di birra fresco.

Questo è l’impasto della focaccia che ho preparato sabato sera con il mio lievito granulare 

Proudly powered by WordPress