Anna in Casa: ricette e non solo: Fette biscottate bicolore

Anna in Casa: ricette e non solo: Fette biscottate bicolore

Tante volte vi ho annoiato su quanto trovo sempre più difficile scrivere le ricette che preparo. Questo un po’ per mancanza di fantasia (soprattutto quando devo aggiungere la didascalia al post), un po’ perchè vorrei avere la capacità di spiegare il procedimento delle preparazioni in modo chiaro e semplice e un po’ per mancanza di tempo (non fraintendetemi, non è una lamentela, visto il difficile momento che stiamo vivendo). Se poi a questi blocchi si aggiunge blogger, cambiando all’improvviso le impostazioni di pagina, io quasi quasi mi arrendo.

Scherzo ovviamente, però l’altro pomeriggio ci ho messo circa 20 minuti per capire come impostare scrittura, data di pubblicazione, e scelta delle etichette.

Ma chi gestisce la piattaforma ha considerato che la settimana scorsa sono invecchiata e le difficoltà che già avevo 10 anni fa quando ho iniziato questa avventura, sono più o meno le stesse, anzi sono aumentate?

Per fortuna una volta capito, o almeno spero, mi sono presa un caffè, seduta e assaggiato una fetta biscottata preparata seguendo la linea guida di Antonia Speciallella una blogger che seguo da tanto e che ringrazio.

.

La ricetta prevede la preparazione con lievito di birra o lievito madre

.

Ingredienti

470 g di farina 0

15 g di lievito di birra 

      oppure 150 g di esubero di lievito madre 

70 g di zucchero semolato

115 ml di acqua a temperatura ambiente

115 ml di latte a temperatura ambiente

1 cucchiaino di miele

28 ml di olio d’oliva

5 g di sale

2 cucchiaino pieni di cacao amaro

Procedimento

Se si utilizza il lievito di birra i tempi di lievitazione sono meno lunghi.

L’impasto può essere fatto a mano oppure utilizzando la planetaria.

Io ho iniziato la preparazione il tardo pomeriggio e ho suddiviso i tempi in questo modo:

– ore 17:30 preparazione degli impasti

– successivamente ho lasciato lievitare l’impasto due ore circa

– ore 20:00 circa, ho messo i due impasti in frigorifero tutta la notte

– ore 8:00 ho tolto l’impasto dal frigorifero e ho atteso la lievitazione fino al raddoppio del volume degli impasti (io in forno con la luce accesa)

– ore 11:00 circa, le pieghe ai due impasti e rimesso a lievitare (sempre in forno con la luce accesa)

– ore 12:30 formato rotolo con impasti e rimesso a lievitare (stesso metodo precedente)

– ore 17:30  a lievitazione completata, cottura

Preparazione

In una ciotola pesare l’esubero 

(rinfrescato o meno) di pasta madre.

Se utilizzate il lievito di birra

pesate la quantità prevista negli ingredienti.

Versare nella ciotola della planetaria il latte e l’acqua,

aggiungere il lievito madre o il lievito di birra e con una forchetta

scioglierlo bene.

Aggiungere il miele e mescolare ancora.

A questo punto unire la farina,

lo zucchero e

il sale.

Iniziare a lavorare l’impasto a

 mano o con la planetaria.

Pesare la quantità di olio d’oliva e

poco alla volta, unirlo al composto in lavorazione.

Quando il composto risulta omogeneo, 

trasferirlo sulla spianatoia e lavorarlo un minuto.

Formare un salame e tagliarne 1/3 che

impasterete con il cacao previsto in ricetta.

Formare con i due impasti due panetti,

sistemarli in due ciotole, fare un taglio a croce su ognuno e

coprirli con pellicola trasparente non a contatto.

Mettere a lievitare a forno spendo con la luce accesa

fino al raddoppio.

Riprendere gli impasti e uno alla volta

stendere sulla spianatoia e fare due giri 

di pieghe seguendo le fotografie.

foto 1
foto 2
foto 3
foto 4
foto 5

Una volta fatte le pieghe, formare un panetto

e fare un taglio a croce.

Ripetere i giri di pieghe anche per l’impasto al cacao,

 seguendo gli scatti

foto 1
foto 2
foto 3

 Altro giro di pieghe,

formare un panetto,

fare il taglio a croce e

rimettere a lievitare sempre

a forno spento con la luce accesa per 1 ora e 1/2 circa.

Nel frattempo foderare due stampi da plum-cake 

(io ne ho due da 22×12 cm  con carta forno).

Trascorso il tempo della seconda lievitazione, 

riprendere gli impasti e uno alla volta

stenderli con il mattarello

a formare due rettangoli.

 il rettangolo al cacao ovviamente è 

più piccolo essendo meno la quantità di impasto.

Una volta stesi, sovrapporre i due impasti,

e pressarli con delicatezza utilizzando il mattarello.

A questo punto iniziare ad arrotolare, 

partendo dal lato più lungo,

fino ad ottenere un salsicciotto.

Dividere l’impasto

in due parti uguali e

posizionarli con l’apertura verso il basso.

Coprire e rimettere a lievitare sempre a 

forno spento con la luce accesa.

I miei impasti hanno lievitati per 3 ore circa.

Scaldare il forno a 160°C.

Spennellare la superficie con latte,

infornare e cuocere per 40-45 minuti,

 fino a quando la superficie risulterà dorata.

togliere dal forno e

mettere i due filoni su una gratella a raffreddare completamente.

A raffreddamento avvenuto, scaldare il forno a 130°C,

tagliare i filoni a fette spesse circa 1 cm 

e disporle sulle teglie precedentemente foderate con carta forno.

Infornare e biscottare le fette per una ventina di minuti

o fino a quando risulteranno croccanti.

Lasciare raffreddare completamente le fette biscottate 

prima di conservarle in una scatola di latta.

Ricette Simili da Leggere:

  • » Finocchi gratinati alla mediterranea I finocchi gratinati alla mediterranea sono un contorno saporito e facile da fare, nonché un modo diverso dal solito per portare in tavola […]
  • » Panini fritti – Ricetta Panini fritti di Misya I panini fritti sono la ricetta che ho tenuto in serbo per voi per questo weekend. Si preparano con l'impasto della pizza o del pane e, […]
  • » Pasta fresca senza uova Disponete la farina a fontana in una ciotola, aggiungete il sale e iniziate a versare l'acqua calda al centro, gradualmente, impastando […]
  • Amaretti farciti Gli amaretti farciti sono dei dolcetti fantastici: carini da vedere e deliziosi da mangiare! Inoltre sono proprio l’idea perfetta se […]
  • Torta di pancarrè 30 minuti Per me sta diventa sempre più difficile fare degli scatti decenti al cibo, soprattutto quando preparo tutto ma sento il fiato sul […]

Proudly powered by WordPress